Sconfessata la FINMA sul caso BSI

banche

Il Tribunale amministrativo federale accoglie parzialmente il ricorso dell’ex istituto di credito e rimanda l’incarto all’Autorità federale di vigilanza

Sconfessata la FINMA sul caso BSI
© CdT/Archivio

Sconfessata la FINMA sul caso BSI

© CdT/Archivio

Il Tribunale federale amministrativo (TAF) ha sconfessato la FINMA sul caso BSI. I giudici hanno infatti parzialmente accolto il ricorso della banca contro la decisione del 2016 dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati, riguardante il fondo sovrano malese 1Mdb.

Non vengono messe in dubbio le violazioni alle norme anti-riciclaggio ma la confisca di 95 milioni di franchi, considerati gli utili indebitamente realizzati. «La stima effettuata dalla FINMA non è comprensibile», scrive il TAF, rimandando all’Autorità federale il caso per un calcolo più preciso e motivato. Contro la decisione si potrà ricorrere al Tribunale federale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1