Sergio Ermotti: «Lascio una UBS molto solida, che può scegliere il suo futuro»

L’intervista

Il CEO ticinese della più grande banca svizzera lascerà la carica fra pochi giorni, dopo 9 anni di mandato

Sergio Ermotti: «Lascio una UBS molto solida, che può scegliere il suo futuro»
Sergio Ermotti. ©Ti-Press

Sergio Ermotti: «Lascio una UBS molto solida, che può scegliere il suo futuro»

Sergio Ermotti. ©Ti-Press

Alla fine di questo mese Sergio Ermotti lascerà UBS, in cui è entrato nell’aprile del 2011 e di cui è stato CEO dal settembre dello stesso anno. Ermotti è da aprile di quest’anno membro del CdA di Swiss Re e sarà proposto come presidente alla prossima Assemblea degli azionisti del gruppo riassicurativo. Abbiamo intervistato Ermotti sul bilancio della sua attività in UBS, sui suoi obiettivi in Swiss Re, sulle prospettive della Svizzera e del Ticino.

A giorni lascerà UBS, di cui è stato CEO per oltre nove anni. Quale bilancio si sente di fare di questa sua attività al vertice della maggior banca svizzera in questo arco di tempo?

«Sono molto soddisfatto di quanto siamo riusciti a realizzare dal 2011 ad oggi. Il gruppo è stato indirizzato sulla centralità della gestione di patrimoni in Svizzera e...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1