Su i prezzi di indumenti e carburanti, giù quelli di ortaggi e pasta

I dati

Nel marzo 2021 l’indice dei prezzi al consumo (IPC) è aumentato dello 0,3% rispetto al mese precedente

 Su i prezzi di indumenti e carburanti, giù quelli di ortaggi e pasta
©Shutterstock

Su i prezzi di indumenti e carburanti, giù quelli di ortaggi e pasta

©Shutterstock

Inflazione su base mensile (dello 0,3%) e deflazione su base annua (dello 0,2%). Così si può riassumere l’andamento in marzo dell’indice dei prezzi al consumo (IPC) pubblicato oggi dall’Ufficio federale di statistica (UST).

In una nota, l’UST precisa che l’IPC si è attestato in marzo a 100,53 punti (dicembre 2020 = 100). Più in dettaglio, i prezzi dei prodotti importati sono aumentati su base mensile ma calati su quella annua. Il costo dei prodotti indigeni è invariato rispetto a febbraio ma in calo rispetto a marzo 2020.

La crescita complessiva dello 0,3% rispetto a febbraio è riconducibile a vari fattori, tra cui l’aumento dei prezzi degli indumenti e delle calzature a causa della fine dei saldi stagionali. Sono aumentati anche i prezzi dell’olio da riscaldamento, come pure quelli dei carburanti. Sono invece diminuiti i prezzi degli ortaggi e quelli della pasta alimentare.

Rispetto a marzo 2020, la contrazione (la quattordicesima consecutiva su base annua) dello 0,2% è imputabile soprattutto al calo dei prezzi di alimenti e bevande alcoliche (con l’eccezione in particolare di frutta con nocciolo e bacche), indumenti e calzature, comunicazioni, nonché tempo libero e cultura. Anche in questo caso è aumentato il costo della nafta e dei benzina e diesel.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1

    Manor rafforza la lotta allo spreco

    Too Good To Go

    Letteralmente significa «troppo buono per essere buttato»: è questo il nome dell’App sempre più diffusa in Svizzera e in Ticino che permette di ritirare a prezzi scontatissimi prodotti ancora buoni ma che andrebbero gettati

  • 2
  • 3
  • 4

    Lonza crea 1.200 nuovi posti di lavoro

    Impieghi

    Previste assunzioni per l’impianto vallesano di Visp, che in novembre ha iniziato la produzione del principio attivo per il vaccino dell’americana Moderna contro il coronavirus

  • 5
  • 1
  • 1