Scambio di informazioni

A livello fiscale nuovo passo avanti con gli Stati Uniti

Il Senato USA ratifica l’accordo contro la doppia imposizione con la Svizzera - Manca ancora la firma di Trump - Peter: «La novità è che viene garantita la reciprocità fra i due Paesi» - Vorpe: «Possibili domande raggruppate»

 A livello fiscale nuovo passo avanti con gli Stati Uniti
Ora la Svizzera e gli Stati Uniti sono su un piano di parità: non è solo Berna che deve fornire a Washington dati fiscali.  (Foto Maffi)

A livello fiscale nuovo passo avanti con gli Stati Uniti

Ora la Svizzera e gli Stati Uniti sono su un piano di parità: non è solo Berna che deve fornire a Washington dati fiscali.  (Foto Maffi)

LUGANO - Nuovo passo avanti verso la normalizzazione delle relazioni in ambito fiscale fra Svizzera e Stati Uniti. Mercoledì il Senato degli Stati Uniti ha ratificato la convenzione per evitare le doppie imposizioni (CDI) con la Svizzera, bloccata da circa un decennio. Il trattato, che richiedeva due terzi dei voti, è stato accolto con 95 voti contro 2.

Da parte elvetica si è espressa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1