Archegos, un caso da 4,4 miliardi

credit suisse

La debacle del family office americano causa a Credit Suisse una perdita ultramiliardaria che manda in rosso i conti del primo trimestre per 900 milioni - Saltano le prime poltrone mentre i dividendi sono tagliati di due terzi - Venditti: «La sfida è cambiare la cultura della gestione del rischio»

 Archegos, un caso da 4,4 miliardi
© Keystone

Archegos, un caso da 4,4 miliardi

© Keystone

Due poltrone saltano ai vertici di Credit Suisse in seguito alle perdite pesantissime causate dalle scommesse sbagliate del family office newyorkese Archegos Capital Management: quelle di Lara Warner, responsabile dei settori Risk e Compliance e quella del capo dell’investment banking Brian Chin.

La banca ha anche quantificato la perdita attesa da Archegos: 4,7 miliardi di dollari (4,4 miliardi di franchi), superiori al tetto di 4 miliardi ipotizzato dagli analisti quando era scoppiato il caso settimana scorsa. La vicenda vanifica così gli ottimi risultati altrimenti ottenuti dalla banca nel primo trimestre, che si chiuderà con una perdita di circa 900 milioni di franchi. Ci sarà inoltre un taglio da 41 milioni nei compensi per l’executive board mentre il CdA ritirerà la sua proposta sui bonus...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Manor rafforza la lotta allo spreco

    Too Good To Go

    Letteralmente significa «troppo buono per essere buttato»: è questo il nome dell’App sempre più diffusa in Svizzera e in Ticino che permette di ritirare a prezzi scontatissimi prodotti ancora buoni ma che andrebbero gettati

  • 2

    Lonza crea 1.200 nuovi posti di lavoro

    Impieghi

    Previste assunzioni per l’impianto vallesano di Visp, che in novembre ha iniziato la produzione del principio attivo per il vaccino dell’americana Moderna contro il coronavirus

  • 3
  • 4

    «La Svizzera ha gestito bene la crisi del virus»

    Analisi

    Buoni i voti dai dal Fondo monetario internazionale alla Confederazione che, sulla base della solidità dei suoi conti, ha potuto varare misure di sostegno pari a oltre il 10% del PIL - Come effetto quest’anno crescita del 3,5% - Fra i fattori di forza l’industria d’esportazione e un sistema finanziario ben capitalizzato

  • 5
  • 1
  • 1