Commercio al dettaglio: a settembre fatturato in calo del 2,7%

BERNA - Il fatturato complessivo del commercio al dettaglio in Svizzera è sceso in settembre del 2,7% in termini reali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel raffronto con agosto la diminuzione risulta dell'1,6%.

Le variazioni tengono conto del rincaro e delle correzioni apportate per compensare i diversi giorni di vendita. In termini nominali, informa l'Ufficio federale di statistica (UST), le vendite sono scese del 2,3% su base annua (-1,6% mensile), facendo registrare la flessione più marcata da dicembre 2016.

Escludendo i carburanti, il volume d'affari è sceso del 3% in termini reali (-2,8% nominale) nel raffronto annuo e dell'1,8% (sia reale che nominale) rispetto ad agosto.

Le vendite di prodotti alimentari, bevande e tabacchi hanno segnato sui dodici mesi un decremento reale del 2,4% (-1,1% nominale), mentre il comparto non-food ha subito una contrazione del 3,9% (-4,2%). Rispetto ad agosto l'alimentare ha registrato una flessione reale dell'1,6% (-1,2% nominale) e il comparto non alimentare un calo del 2,0% (-1,9%).

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1