Gli averi a vista della BNS aumentano di 800 milioni

banca nazionale svizzera

La scorsa settimana si sono attestati a 592,4 miliardi e l’incremento è rispetto a quella precedente

 Gli averi a vista della BNS aumentano di 800 milioni
Foto Gabriele Putzu

Gli averi a vista della BNS aumentano di 800 milioni

Foto Gabriele Putzu

Gli averi a vista della Banca nazionale svizzera (BNS) si sono attestati la settimana scorsa a 592,4 miliardi di franchi, ha indicato questa mattina l’istituto.Rispetto ai sette giorni precedenti la progressione è stata di 0,8 miliardi. Nella settimana in rassegna gli averi in conti giro delle banche svizzere presso la BNS hanno toccato i 478,4 miliardi di franchi, mentre gli altri averi a vista si sono attestati a 114,0 miliardi.

Come noto i primi sono i soldi che gli istituti mantengono presso la banca centrale per adempiere i requisiti in materia di riserve minime, per effettuare operazioni di pagamento e come scorta di tesoreria, mentre i secondi - gli altri averi a vista - sono costituiti da passività verso la Confederazione, averi sui conti giro di banche e istituzioni estere, nonché conti giro di soggetti non bancari come istanze di compensazione e assicurazioni.

A titolo di paragone, la soglia di complessivi 400 miliardi di averi a vista era stata superata nel gennaio 2015, quella di 500 miliardi nel giugno 2016. All’inizio del 2019 il dato era di 574 miliardi. Per dare un’idea dell’entità di queste cifre può essere ricordato che nel 2018 il prodotto interno lordo della Svizzera era di 690 miliardi.

I conti in questione vengono sorvegliati con attenzione perché una loro forte crescita costituisce un indizio che fa pensare a interventi della BNS sul mercato per evitare un rafforzamento considerato eccessivo del franco. Questo poiché quando l’istituto compra divise il corrispettivo in franchi viene accreditato sul conto della banca interessata all’operazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1