Aziende

I dolori dell’industria a causa del superfranco

Per le imprese elvetiche orientate all’esportazione l’attuale cambio con l’euro crea un calo delle competitività - Modenini: «Un livello sotto 1,10 è un problema»; Rüeger: «Più pressione per portare la produzione all’estero»

I dolori dell’industria a causa del superfranco
Riuscire a vendere i prodotti svizzeri all’estero diventa più difficile. (Foto Putzu)

I dolori dell’industria a causa del superfranco

Riuscire a vendere i prodotti svizzeri all’estero diventa più difficile. (Foto Putzu)

I dolori dell’industria a causa del superfranco
La tentazione di spostare la produzione all’estero aumenta. (Foto Reguzzi)

I dolori dell’industria a causa del superfranco

La tentazione di spostare la produzione all’estero aumenta. (Foto Reguzzi)

LUGANO - Il franco corre, spinto da incertezze economiche e geopolitiche, mentre l’euro si indebolisce, sull’onda delle preoccupazioni per l’Italia e la Brexit. Come conseguenza, l’euro-franco è sceso a 1,0850 (per poi risalire leggermente ieri), un livello non più toccato da oltre due anni. La flessione del rapporto fra moneta unica e valuta elvetica è stata anche abbastanza repentina,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1