Il reddito lordo intaccato dall'assicurazione malattia

Il 6,2% viene impiegato dalle famiglie svizzere per pagare i premi ma incidono anche affitti, energia e trasporti

Il reddito lordo intaccato dall'assicurazione malattia

Il reddito lordo intaccato dall'assicurazione malattia

BERNA - Nel 2016, il reddito disponibile medio al mese delle famiglie svizzere (2,2 persone) ammontava a 7.124 franchi, su un reddito lordo di 10.033 franchi. Tra le spese obbligatorie figurano le assicurazioni sociali (9,7% pari 972 franchi), le imposte (11,5% o 1153 franchi) e i premi per l'assicurazione malattia di base (6,2% ossia 626 franchi). Incidono fortemente sul bilancio anche le spese per affitto ed energia, come anche i trasporti.

Secondo i dati diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST), non tutte le economie domestiche, tuttavia, dispongono di 7.124 franchi al mese. Nel 2016, il 59% delle famiglie presentava un reddito disponibile inferiore al valore medio svizzero. Dai risultati emerge che anche nell'anno sotto esame è il reddito da lavoro a costituire il pilastro più importante del budget domestico, incidendo sul reddito lordo nella misura del 75,4%. Le rendite e le prestazioni sociali cui viene destinato in media il 19,1% del budget, risultano la seconda fonte più importante del reddito delle economie domestiche.

Nel 2016, le spese obbligatorie ammontavano a 2909 franchi al mese. pari al 29% del reddito lordo. Oltre alle imposte, si mangiano parte del reddito i contributi alle assicurazioni sociali, i contributi AVS e alle casse pensioni, i premi per l'assicurazione malattie obbligatoria (6,2%) e i trasferimenti monetari verso altre economie domestiche (1,6%).

Costi importanti per affitti ed energia

Le spese per consumi ammontano in media a 5310 franchi o il 52,9% del reddito lordo. I costi per l'abitazione e l'energia, pari a circa 1476 franchi, ovvero il 14,7% del reddito lordo, costituiscono la voce più importante. Seguono le spese per i trasporti (7,7% o 770 franchi), per l'acquisto di alimentari (6,3% ossia 632 franchi), ristoranti e pernottamenti (5,8% o 584 franchi) e tempo libero (5,4% pari a 542 franchi). Le spese per abbigliamento e calzature, pari al 2,1%, sono una voce di spesa meno importante. Questi 210 franchi mensili per famiglia si suddividono in spese per abbigliamento femminile (86 franchi al mese), abbigliamento maschile (50 franchi al mese), calzature (43 franchi al mese), nonché altre spese come indumenti per bambini, lavaggio a secco, stoffe eccetera. Nell'anno in rassegna, il 60,3% delle famiglie viveva in affitto. L'80,7% possedeva almeno un'automobile e il 70,2% un bicicletta. L'87,7% aveva almeno un computer e ben il 96,7% un cellulare.

Oltre mille franchi per il risparmio

Una volta coperte tutte le spese, nel 2016 alle economie domestiche rimanevano in media 1551 franchi al mese, l'equivalente del 15,5% del reddito lordo da destinare al risparmio. Generalmente le economie domestiche delle classi reddituali più basse (reddito lordo inferiore a 5000 franchi) non sono riuscite a mettere da parte nulla, dato che, spesso hanno speso più di quanto hanno percepito. Questo fenomeno è riconducibile tra l'altro al fatto che in questa classe figura una quota proporzionalmente elevata (quasi il 61%) di economie domestiche composte di pensionati, il cui bilancio domestico è finanziato in parte dall'erosione della sostanza.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
    società

    Debiti: è record in Svizzera

    Un’analisi di comparis.ch indica che oltre mezzo milione di persone è sovraindebitato e il numero aumenta di anno in anno - La crescita dal 2016 è del 22%

  • 2
  • 3
    BNS

    UBS: «Domani prepariamoci a tassi più negativi»

    Per gli esperti della banca il rallentamento congiunturale rende probabile un abbassamento del costo del denaro da parte della Banca nazionale svizzera al -1%. Ma il franco dovrebbe continuare a rafforzarsi.

  • 4
    I DATI

    La Svizzera non è più il Paese più ricco al mondo

    Con un patrimonio netto pro capite di 173.838 euro (circa 190 mila franchi), in flessione dell’1,5% rispetto all’anno precedente, nel 2018 la Confederazione è scivolata al secondo posto dietro gli Stati Uniti

  • 5
    investimenti

    Causa in vista per UBS

    I creditori che hanno sottoscritto obbligazioni di Folli Follie stanno pensando di chiedere risarcimenti alla grande banca elvetica

  • 1