Lavoro

In banca aumentano i salari, ma più per gli uomini

Gli impiegati guadagnano maggiormente rispetto a due anni fa, ma la busta paga delle donne è più leggera

 In banca aumentano i salari, ma più per gli uomini
(foto Shutterstock)

In banca aumentano i salari, ma più per gli uomini

(foto Shutterstock)

ZURIGO - Gli impiegati di banca guadagnano di più oggi che due anni or sono, ma degli aumenti in busta paga approfittano più fortemente gli uomini che le donne. Ciò rafforza ulteriormente la già elevata disparità salariale nel settore.

Nel 2019 la retribuzione mediana - bonus inclusi - ammonta a 115’000 franchi, 3’250 in più del 2017, secondo l’ultimo sondaggio condotto dall’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) assieme all’istituto onlineumfragen.com cui hanno partecipato 4’725 addetti.

In Ticino essa si attesta a 108’047 franchi, in progressione solo dell’1% a causa di una contrazione del 35,2% dei bonus. A titolo di confronto, a Zurigo la remunerazione mediana complessiva è di 128’500 franchi (+2,8%) e a Ginevra di 129’000 franchi (-2,1%).

Dal 2009 ad oggi si nota una chiara tendenza al rialzo, che riguarda diversi livelli gerarchici, regioni e categorie bancarie. Ma si delineano anche grandi divergenze tra uomini e donne: queste ultime guadagnano in media il 23,6% in meno dei colleghi maschi, un valore che supera di quasi dieci punti percentuali la media svizzera, che secondo l’Ufficio federale di statistica (UST) si attesta al 14,6% nel settore privato.

Tra i salari fissi la differenza è salita dal 20,7 al 22,2%: un’inversione di tendenza spiacevole, afferma l’ASIB in un comunicato odierno. Nel 2017 la disparità salariale era infatti ancora diminuita rispetto a due anni prima.

Complessivamente tra il 2017 e il 2019 gli stipendi fissi sono cresciuti del 2,9% o 3’000 franchi. Ma gli aumenti sono avvenuti soprattutto su base individuale: quasi due terzi degli interrogati ha indicato di non essere stato confrontato a variazioni.

Anche i bonus sono saliti, ma pure questi sono stati attribuiti in maniera molto individuale. Il 31,8% dei partecipanti al sondaggio ha ricevuto bonus più elevati, il 28,2% più bassi. La ripartizione è incomprensibile per molti dipendenti, rileva l’ASIB.

Ed è proprio per i bonus che la disuguaglianza tra uomini e donne è maggiore: i primi hanno ottenuto in media il 36% in più delle seconde, a fronte di un divario del 30,8% nel 2017.

Le divergenze salariali nel settore bancario crescono con l’aumento dell’età e degli anni di servizio: uomini che hanno lavorato per oltre 20 anni presso lo stesso istituto ricevono quasi il 40% di bonus in più di donne con la stessa esperienza.

I risultati del sondaggio non rappresentano una prova scientifica di disparità salariali discriminatorie, afferma l’associazione. Tuttavia si riconoscono tendenze chiare in linea con quelle di altre indagini, ad esempio dell’UST.

Le banche devono fornire una spiegazione su tali differenze, scrive l’ASIB, secondo cui le analisi salariali che le aziende saranno obbligate ad effettuare dal prossimo anno dovranno essere trasparenti e comprensibili.

Dal sondaggio emerge anche che il 36,7% dei partecipanti si sente esaurito dopo una giornata di lavoro e che un quarto non riesce a rigenerarsi veramente nel tempo libero e ha paura per il suo futuro - una situazione cui i dipendenti delle grandi banche sono maggiormente confrontati che quelli delle altre categorie di istituti. Si tratta anche di un tasso molto più elevato che in altri settori economici: secondo la Segreteria di stato dell’economia (SECO) solo il 12% dei lavoratori in Svizzera afferma di essere insoddisfatto delle proprie condizioni di lavoro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
    BNS

    UBS: «Domani prepariamoci a tassi più negativi»

    Per gli esperti della banca il rallentamento congiunturale rende probabile un abbassamento del costo del denaro da parte della Banca nazionale svizzera al -1%. Ma il franco dovrebbe continuare a rafforzarsi.

  • 2
    I DATI

    La Svizzera non è più il Paese più ricco al mondo

    Con un patrimonio netto pro capite di 173.838 euro (circa 190 mila franchi), in flessione dell’1,5% rispetto all’anno precedente, nel 2018 la Confederazione è scivolata al secondo posto dietro gli Stati Uniti

  • 3
    investimenti

    Causa in vista per UBS

    I creditori che hanno sottoscritto obbligazioni di Folli Follie stanno pensando di chiedere risarcimenti alla grande banca elvetica

  • 4
    Commerci

    Migros taglia 300 impieghi

    La cooperativa ha annunciato la soppressione di posti nel territorio dei cantoni di Berna, Soletta ed Argovia nei prossimi due anni

  • 5
  • 1