Kapten, concorrente Uber, getta la spugna e lascia la Svizzera

trasporti

A sette mesi dal suo arrivo sulle sponde del Lemano, la piattaforma francese controllata dal gruppo Daimler se ne va a causa di ostacoli normativi

 Kapten, concorrente Uber, getta la spugna e lascia la Svizzera
Foto Kapten

Kapten, concorrente Uber, getta la spugna e lascia la Svizzera

Foto Kapten

A sette mesi dal suo sbarco sulle sponde del Lago Lemano Kapten, la società francese che offre un servizio di trasporto analogo a quello di Uber, getta la spugna e sospende le attività in Svizzera «a tempo indeterminato». La piattaforma francese, controllata dal gruppo Daimler, parla di ostacoli normativi.

Fondata nel 2012 come Chauffeur Privé, Kapten è presente a Parigi, Lione, Cannes e Lisbona. In Svizzera l’impresa intendeva in un primo tempo concentrarsi su Ginevra e prendere in considerazione l’espansione in altre città o regioni solo in seguito. Nella città sul Lemano impiegava cinque persone e gestiva circa 300 autisti.

«Nelle ultime settimane, l’interpretazione della legge da parte delle autorità cantonali ginevrine è cambiata», scrive Kapten in una email ai suoi autisti, di cui AWP possiede una copia.

Inizialmente, Ginevra ha offerto «un quadro normativo positivo (.....), in linea con il nostro modello di business basato sull’indipendenza dei nostri autisti partner», recita la email, rilevando che nel frattempo il clima è cambiato. Oltre al «cambiamento di interpretazione» della legge da parte del Cantone, Kapten si rammarica che a livello federale la Suva «non riconosca l’indipendenza dei conducenti che lavorano» secondo questo modello.

Le attività in Svizzera saranno sospese a partire da venerdì 27 settembre alle 16.00, «a tempo indeterminato». Kapten si riserva il diritto di modificare la propria posizione se il contesto dovesse diventare più favorevole in futuro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1