Franco

La Banca nazionale rimane in trincea

In un dibattito all’Ambasciata di Svizzera in Italia il presidente Thomas Jordan ha ribadito la linea BNS - Tassi di interesse negativi e interventi sul mercato restano gli strumenti per frenare la valuta elvetica

La Banca nazionale rimane in trincea
Thomas Jordan si dice convinto che l’attuale politica monetaria debba essere mantenuta. (Foto Zocchetti)

La Banca nazionale rimane in trincea

Thomas Jordan si dice convinto che l’attuale politica monetaria debba essere mantenuta. (Foto Zocchetti)

ROMA – «I tassi di interesse negativi rimangono necessari e la Banca nazionale svizzera resta pronta a intervenire nel caso la situazione lo richieda». Thomas Jordan, presidente della Direzione generale della Banca nazionale svizzera, non arretra di un centimetro dalla trincea che l’istituto centrale elvetico ha da tempo attrezzato per frenare il franco ed evitare che questo si...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
    I DATI

    La Svizzera non è più il Paese più ricco al mondo

    Con un patrimonio netto pro capite di 173.838 euro (circa 190 mila franchi), in flessione dell’1,5% rispetto all’anno precedente, nel 2018 la Confederazione è scivolata al secondo posto dietro gli Stati Uniti

  • 2
    investimenti

    Causa in vista per UBS

    I creditori che hanno sottoscritto obbligazioni di Folli Follie stanno pensando di chiedere risarcimenti alla grande banca elvetica

  • 3
    Commerci

    Migros taglia 300 impieghi

    La cooperativa ha annunciato la soppressione di posti nel territorio dei cantoni di Berna, Soletta ed Argovia nei prossimi due anni

  • 4
  • 5
  • 1