Lindt & Sprüngli sotto pressione in Russia

Nel mirino

Il produttore di cioccolato è accusato di vendere nel Paese prodotti di qualità inferiore

Lindt & Sprüngli sotto pressione in Russia
© CdT/Chiara Zocchetti

Lindt & Sprüngli sotto pressione in Russia

© CdT/Chiara Zocchetti

Lindt & Sprüngli è sotto pressione in Russia: l’autorità preposta alla concorrenza (Federal Antimonopoly Service, FAS) accusa il produttore elvetico di cioccolato - insieme agli altri quattro grandi marchi Ariel e Persil, Procter & Gamble e Henkel - di vendere nel paese prodotti di qualità inferiore a quelli smerciati su altri mercati. Il gruppo respinge gli addebiti.

A seguito di esami effettuati su campioni scelti a caso, il FAS sostiene che diversi produttori internazionali, tra cui l’impresa con sede a Kilchberg (ZH), commercializzano i loro articoli con i medesimi marchi usati in altri paesi, ma qualità e composizione mostrano «differenze significative» con quanto viene venduto in Europa occidentale.

«Se la qualità del prodotto non corrisponde a quella offerta in Europa, il vantaggio concorrenziale del produttore non è giustificato», ha affermato in vicedirettore di FAS Andrei Kashevarov in una conferenza stampa.

Nel cioccolato di L+S venduto in Russia, i test hanno evidenziato una differenza di contenuto di acidi organici del 10-50% - o addirittura 100-220% e ancora di più in alcuni campioni - rispetto ai prodotti europei. Questo mentre le indicazioni sulla confezione «danno al consumatore l’impressione di avere di fronte un prodotto identico a quello venduto con lo stesso marchio in Europa».

Secondo L+S le accuse di FAS sono infondate. «Tutti i prodotti consegnati nella Federazione Russa soddisfano gli stessi criteri di qualità del resto d’Europa», ha indicato un portavoce all’agenzia Awp. «Tutti gli articoli disponibili sul mercato russo sono prodotti nelle nostre fabbriche in Europa».

L’autorità russa ha intimato alle cinque aziende di intervenire entro 30 giorni. I produttori sono invitati a offrire ai consumatori russi prodotti della stessa composizione di quelli venduti in Europa, oppure a specificare sulla confezione che esiste una differenza tra i prodotti russi e quelli europei.

«Siamo in contatto con il FAS per identificare accuratamente i prodotti e scoprire quali parametri specifici sono stati testati», ha detto il portavoce Lindt & Sprüngli. «Siamo convinti che le nostre attività siano conformi alle normative russe sulla concorrenza e siamo pronti a collaborare con le autorità per fornire le prove necessarie».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Affari, per Swiss Re il peggio è passato

    assicurazioni

    La pandemia ha fatto scivolare i conti in rosso, ma i segnali positivi che arrivano dalla dirigenza della compagnia di riassicurazione tranquillizzano gli investitori: «L’impatto del coronavirus sui nostri risultati è gestibile»

  • 2
  • 3
  • 4

    Nestlé, utile netto su del 18%

    economia

    Il fatturato del gigante alimentare vodese è invece sceso del 9,5% a 41,2 miliardi a causa di cessioni e dell’effetto dei cambi

  • 5

    Credit Suisse, l’utile cresce del 24%

    banche

    L’istituto di credito annuncia anche di volersi dotare di nuove strutture e punta a risparmiare circa 400 milioni di franchi all’anno entro il 2022

  • 1
  • 1