MEDICINALI

Problemi in Australia per Novartis e GlaxoSmithKline

I due colossi hanno riconosciuto davanti alla Corte Federale di aver infranto le leggi locali a tutela dei consumatori

Problemi in Australia per Novartis e GlaxoSmithKline
(Foto archivio CdT)

Problemi in Australia per Novartis e GlaxoSmithKline

(Foto archivio CdT)

ZURIGO - Novartis e la britannica GlaxoSmithKline hanno riconosciuto davanti alla Corte Federale di giustizia australiana di aver infranto le leggi locali a tutela dei consumatori, rilasciando false dichiarazioni sui benefici di due dei loro prodotti per il trattamento del dolore e delle infiammazioni legate all’artrosi.

L’Australian Competition and Consumer Commission (ACCC), stando a un comunicato pubblicato oggi dalla stessa associazione, ha indicato di aver denunciato i due colossi farmaceutici già nel 2017 per pratiche poco ortodosse riguardanti il Voltaren, un noto antidolorifico e antinfiammatorio.

GlaxoSmithKline ha acquisito il portafoglio prodotti Voltaren di Novartis nel marzo 2016, assicurandone da allora la commercializzazione. Secondo l’associazione a difesa dei consumatori australiani, queste due multinazionali hanno ingannato i consumatori circa l’efficacia del Voltaren Osteo e del Voltaren Emulgel.

Nelle rispettive deposizioni davanti alla corte, le due aziende hanno ammesso di aver immesso sul mercato Osteo Gel a un prezzo più elevato, presentandolo come un trattamento più efficace di Emulgel. Tuttavia, l’indagine dell’ACCC ha dimostrato che i benefici sono identici, soprattutto perché le composizioni dei gel sono essenzialmente le stesse.

Dopo aver ammesso di aver violato le leggi locali, è attesa un’ulteriore udienza in cui verranno determinate le sanzioni nei confronti delle due società.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1