Commercio estero

Trend negativo per le esportazioni svizzere

Terzo calo consecutivo nel mese di maggio per l’export elvetico - Leggero aumento delle importazioni

Trend negativo per le esportazioni svizzere
(Foto archivio CdT)

Trend negativo per le esportazioni svizzere

(Foto archivio CdT)

BERNA - Terzo calo consecutivo delle esportazioni svizzere in maggio: su un mese in termini reali la contrazione è stata dell’1,2%, a 18,89 miliardi di franchi. Lo indica una nota odierna dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD). In aprile erano scese dello 0,6% e in marzo dello 0,5%. In termini nominali, ossia tenendo conto dell’inflazione, la contrazione dell’export è stata dello 0,5%. Tali dati sono rettificati dagli effetti stagionali. Il mese di maggio è risultato favorevole per le industrie del gruppo «macchine ed elettronica» (+2,7%), degli strumenti di precisione (+4%) e in particolare del ramo orologiero (+8,9%), secondo i dati dell’AFD. Il principale settore d’esportazione elvetico, quello dei prodotti chimici e farmaceutici, ha invece registrato un calo del 2,4% a 8,90 miliardi di franchi. La causa primaria è una diminuzione dell’export di medicinali, legata probabilmente ad un cambiamento del modello di distribuzione nel settore farmaceutico.

La tendenza negativa è dovuta principalmente ad una flessione in Europa, che l’aumento in Asia non è stato in grado di compensare. La Cina, con esportazioni per 1,2 miliardi di franchi, ha segnato un record. Stagnazione invece per l’America del Nord (+0,4%).

Per quanto riguarda le importazioni, si è registrato un leggero aumento dello 0,7% (reale) e +0,9% (nominale) a 17,24 miliardi di franchi. A tale incremento hanno contribuito in modo significativo i «prodotti chimici e farmaceutici» (+5,3%) nonché «carta e prodotti delle arti grafiche» (+134 milioni di franchi). Le importazioni di veicoli hanno registrato un leggero aumento (+0,8%), mentre sono in calo bigiotteria e gioielleria (-8,6%). A livello geografico, sorridono l’Europa e l’America del Nord, al contrario dell’Asia (-7,8%). La bilancia commerciale si è chiusa con un avanzo di 1,65 miliardi. Il commercio estero si sta ancora evolvendo ad un livello alto, indica l’AFD.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
    BNS

    UBS: «Domani prepariamoci a tassi più negativi»

    Per gli esperti della banca il rallentamento congiunturale rende probabile un abbassamento del costo del denaro da parte della Banca nazionale svizzera al -1%. Ma il franco dovrebbe continuare a rafforzarsi.

  • 2
    I DATI

    La Svizzera non è più il Paese più ricco al mondo

    Con un patrimonio netto pro capite di 173.838 euro (circa 190 mila franchi), in flessione dell’1,5% rispetto all’anno precedente, nel 2018 la Confederazione è scivolata al secondo posto dietro gli Stati Uniti

  • 3
    investimenti

    Causa in vista per UBS

    I creditori che hanno sottoscritto obbligazioni di Folli Follie stanno pensando di chiedere risarcimenti alla grande banca elvetica

  • 4
    Commerci

    Migros taglia 300 impieghi

    La cooperativa ha annunciato la soppressione di posti nel territorio dei cantoni di Berna, Soletta ed Argovia nei prossimi due anni

  • 5
  • 1