UBS e Credit Suisse hanno rilevanza sistemica mondiale

Lo rimarca il Financial Stability Board (FSB), si collocano tuttavia nella posizione più bassa delle cinque categorie promosse dal Consiglio per la stabilità finanziaria

UBS e Credit Suisse hanno rilevanza sistemica mondiale

UBS e Credit Suisse hanno rilevanza sistemica mondiale

BASILEA - UBS e Credit Suisse rimangono di rilevanza sistemica per la finanza mondiale. Si collocano tuttavia nella posizione più bassa delle cinque categorie promosse dal Consiglio per la stabilità finanziaria (Financial Stability Board, FSB).

L'elenco stilato dalla FSB - organismo, fondato nel 2009 dal Gruppo dei 20 grandi paesi industrializzati ed emergenti (G20), che ha sede a Basilea - comprende banche il cui crollo potrebbe causare una scossa all'economia globale nel suo complesso. La lista pubblicata oggi comprende attualmente 29 istituti, uno in meno di un anno fa: due sono stati stralciati, Nordea e Royal Bank of Scotland, uno è entrato, One Bank.

Le società vengono suddivise in classi di rischio, a seconda di quanti mezzi propri supplementari necessitano. Nella categoria 5 (la più esposta) non vi sono aziende; nella 4 c'è solo JP Morgan Chase; nella 3 figurano Citigroup, Deutsche Bank e HSBC; nella 2 sono inserite Barcalys, BNP Paribas, Goldman Sachs, Bank of America, Bank of China, ICBC e Mitsubishi; nella 1 si trovano UBS, Credit Suisse e tutte le altre.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
    Prospettive

    Pensioni, il fardello del virus

    Da inizio anno il rendimento degli investimenti rimane negativo, ossia attorno al -2% - Con la pandemia la situazione futura si complica - Ammirati: «Diventa sempre più difficile generare performance sufficienti» - Guerra: «Alcune aziende taglieranno posti, effetti sul sistema previdenziale»

  • 2
    seco

    Materiale bellico, l’export raddoppia

    Fra i principali acquirenti vi sono Danimarca e Romania che hanno acquistato blindati per 80 e rispettivamente 57 milioni - Segue la Germania che ha comperato 26 milioni di franchi di munizioni

  • 3
    pandemia

    Tassi di interesse negativi? «Dovremo farci l’abitudine»

    Lo ha dichiarato il presidente della BNS Thomas Jordan, spiegando che per rispondere alle sfide economiche poste dal coronavirus, l’istituto si è affidato a due strumenti che aveva utilizzato prima dello scoppio della crisi: i tassi negativi e l’intervento sul mercato dei cambi

  • 4
  • 5
  • 1