Ticinesi interessati alle criptovalute

Finanza

In generale gli svizzeri sono al decimo posto al mondo fra i più incuriositi sul tema, in una classifica che vede al primo posto la Nigeria, seguita da Slovenia, Olanda e Cipro

 Ticinesi interessati alle criptovalute
©CdT/Archivio

Ticinesi interessati alle criptovalute

©CdT/Archivio

Gli svizzeri - ticinesi compresi - appaiono ultimamente molto interessati alle criptovalute: è quanto emerge da un’analisi delle ricerche di Google effettuata dal portale finanziario Cash.

Gli abitanti della Confederazione figurano al decimo posto al mondo fra i più incuriositi sul tema, in una classifica che vede al primo posto la Nigeria, seguita da Slovenia, Olanda e Cipro. Più staccati sono paesi come gli Stati Uniti (20esimi) o la Germania (35esima).

Cash pubblica una cartina che mostra come particolarmente interessati alle valute cibernetiche sono la Romandia, il Ticino e i centri finanziari come Zugo e Zurigo. La graduatoria cantonale è capeggiata da Ginevra, seguita da Zugo, Neuchâtel, Vaud e Vallese.

L’interesse per le criptomonete è esploso negli ultimi mesi: stando alle analisi di Cash le ricerche sono più che quadruplicate dallo scorso dicembre. Per quanto riguarda le singole valute, la più ricercata su Google risulta essere il Bitcoin; seguono Ethereum, Dogecoin, Cardano, Ripple, XRP, Stellar, Litecoin, VeChain e TRON.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2

    Finanze, la Svizzera torna alla normalità

    pandemia

    Fondamentale per affrontare l’emergenza sanitaria è stata la buona salute delle finanze del paese prima dello scoppio della crisi - La parola alla direttrice dell’Amministrazione federale delle finanze D’Amelio-Favez

  • 3

    Se un buon espresso rischia di costare caro

    a tavola

    Le quotazioni del caffè galoppano spinte sia dalla ripresa della domanda sia dalla minore offerta - Pesano le catastrofi climatiche e le strozzature della logistica - Secondo gli analisti tra pochi mesi lo scontrino al bar potrebbe diventare più salato

  • 4
  • 5

    Flussi finanziari dell’UE sotto stretta vigilanza

    Giustizia

    La neonata Procura europea (EPPO) con sede in Lussemburgo è diretta da Laura Codruta Kövesi e ha lo scopo di indagare su corruzione, frodi e riciclaggio di denaro nei Paesi membri - Tramite i suoi 22 procuratori nazionali monitora anche i fondi del Recovery

  • 1
  • 1