La BSI farà ricorso contro la FINMA

Sarà il Tribunale amministrativo federale a decidere se le misure prese dall'organo di vigilanza bancario nei confronti dell'istituto resteranno in vigore

La BSI farà ricorso contro la FINMA

La BSI farà ricorso contro la FINMA

LUGANO - La BSI farà ricorso al Tribunale amministrativo federale contro le misure decise dalla FINMA nei suoi confronti (fra cui l'ordine di sciogliere la banca entro un anno). L'istituto crede infatti - si legge in un comunicato - che la procedura che ha portato la FINMA a decidere è stata fallace e che le sanzioni sono sproporzionate e scorrette.

"Dal 2013 la BSI è stata in continuo a trasparente contatto con la FINMA, sia per quanto riguarda il fondo malese 1MDB, sia per altre questioni. Dove sono state trovate delle mancanze, la BSI ha intrapreso - e continua a intraprendere - misure correttive. Tutte le relazioni con clienti legate al fondo 1MDB sono state chiuse a inizio 2015". Benché l'istituto riconosca delle lacune interne in passato, questo ritiene che la decisione della FINMA, e i modi in cui è stata comunicata, sia stata manifestamente inappropriata.

Nel ricorso, BSI contesta in particolare la valutazione dei fatti della FINMA e ritiene che le misure prese dall'organo di vigilanza siano illegali e sproporzionate ai sensi delle norme amministrative vigenti. Inoltre, viene affermato che i metodi comunicativi della FINMA hanno severamente danneggiato la reputazione della banca e dei suoi impiegati.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) aveva aperto il 23 maggio un procedimento penale nei confronti della BSI. Si sospettava l'esistenza di carenze nel funzionamento dell'organizzazione interna della banca ticinese, tanto che l'istituto non sarebbe stato in grado di impedire il riciclaggio di denaro o la corruzione di pubblici funzionari stranieri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
    Ticino

    Crediti Covid, la corsa rallenta

    Dopo le prime settimane di forte richiesta, con la ripartenza meno domande da parte delle aziende - Finora riscontrate poche frodi - Cimasoni: «In maggio forte diminuzione delle concessioni rispetto ad aprile» - Crameri: « Basso numero di frodi, efficaci le misure per prevenirle»

  • 3
    immobiliare

    Acquisizione tra Swiss Life e City Pop

    Quattro immobili sorgeranno a Losanna, Lugano e Zurigo - Andrea Blotti, membro del CdA del gruppo Artisa: «Rappresenta per noi una delle espressioni del vivere futuro»

  • 1