Tornano i timori di inflazione, anche in Svizzera tassi più alti

Congiuntura

Salgono le aspettative di rialzo dei prezzi, sull’onda della politica delle banche centrali e dell’arrivo dei vaccini - La tendenza ha fatto aumentare i costi di finanziamento nella Confederazione - Kalt: «Non penso sia un fenomeno duraturo»

Tornano i timori di inflazione, anche in Svizzera tassi più alti
In Svizzera i prezzi non salgono, ma negli altri Paesi c’è stato un aumento dell’inflazione. ©CDT/Archivio

Tornano i timori di inflazione, anche in Svizzera tassi più alti

In Svizzera i prezzi non salgono, ma negli altri Paesi c’è stato un aumento dell’inflazione. ©CDT/Archivio

Dopo essere stata annunciata da alcuni economisti, l’inflazione ha fatto la sua riapparizione. O meglio, si è tornati a parlare di lei in modo insistente. Nello scorso mese di gennaio nell’Eurozona l’indice dei prezzi al consumo su base annua ha registrato una grossa accelerazione, con un aumento dello 0,9%, più di quanto previsto dagli economisti, segnando il primo aumento in sei mesi e un rimbalzo dal calo dello 0,3% annuale mostrato a dicembre.

Negli Stati Uniti, l’indice dei prezzi al consumo di gennaio è rimasto contenuto (+0,3% su mese, +1,4% su anno), tuttavia altri indicatori segnalano un rischio di surriscaldamento. Così, l’inflazione media prevista per i prossimi 10 anni dai tassi dei titoli di Stato indicizzati è al 2,2%: il massimo dal 2014.

«Nei prossimi mesi - spiega Volker Schmidt,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1