Tra Londra e l’UE una mini intesa che serve a limitare i danni

Focus Economia

L’accordo per il post Brexit è arrivato in extremis ed è incompleto ma fissa almeno una rete per i rapporti economici - L’area dell’Unione europea rimane per il Regno Unito il maggior partner commerciale e questa realtà non potrà cambiare in modo radicale

Tra Londra e l’UE una mini intesa che serve a limitare i danni
Dopo lunghe trattative, fra Londra e Bruxelles si è arrivati ad una intesa. ©AP/Virginia Mayo

Tra Londra e l’UE una mini intesa che serve a limitare i danni

Dopo lunghe trattative, fra Londra e Bruxelles si è arrivati ad una intesa. ©AP/Virginia Mayo

L’intesa commerciale siglata all’ultimo minuto da Regno Unito e Unione europea non è un grande accordo, ma è un accordo. L’ipotesi peggiore, cioè il no deal ovvero nessuna intesa, è stata scongiurata. Dal primo gennaio la Brexit è realtà concreta e Londra e Bruxelles possono almeno affermare di aver fissato una rete per limitare i danni economici che la stessa Brexit provocherà su entrambi i versanti. A questo punto, è utile fotografare tre aspetti principali: il quadro dei rapporti economici tra l’Unione europea e il Regno Unito; la sostanza dell’accordo tra le due parti; le possibili prospettive delle relazioni economiche tra Londra e Bruxelles.

Le relazioni

Un’intesa era ed è opportuna per entrambe le parti e soprattutto per quella britannica. L’UE con i suoi 27 membri è infatti il maggior...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    L’impatto di Evergrande sulla Svizzera

    ECONOMIA

    La paura si è fatta sentire in borsa, con gli indici di tutte le piazze che hanno perso sensibilmente terreno – Lunedì i titoli bancari UBS e Credit Suisse sono crollati del 7% – Secondo Bloomberg UBS avrebbe obbligazioni Evergrande per 276 milioni di dollari

  • 5

    FFS ancora sofferenti a causa della pandemia

    MOBILITÀ E COVID

    La perdita semestrale è di 30 milioni di franchi in più rispetto al 2020 e l’indebitamento è cresciuto notevolmente – Molti pendolari hanno continuato a lavorare da casa – Ma l’ex regia federale è fiduciosa che la ferrovia nel lungo termine tornerà a crescere in modo sostenuto

  • 1
  • 1