Utile di 15,1 miliardi per BNS: quasi certi i soldi ai cantoni

Berna

Buone cifre nei primi nove mesi, grazie soprattutto al terzo trimestre, che ha registrato un surplus di 14,3 miliardi - La riserva di distribuzione ammonta a quasi 100 miliardi - Botteron: «Bilancio gonfiato, ma non ci sono alternative»

Utile di 15,1 miliardi per BNS: quasi certi i soldi ai cantoni
A causa dei movimenti di cambi e Borse, i risultati della BNS sono molto volatili. ©KEYSTONE/Anthony Anex

Utile di 15,1 miliardi per BNS: quasi certi i soldi ai cantoni

A causa dei movimenti di cambi e Borse, i risultati della BNS sono molto volatili. ©KEYSTONE/Anthony Anex

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha realizzato un utile di 15,1 miliardi di franchi nei primi nove mesi dell’anno. L’istituto di emissione ha registrato un utile di 5,3 miliardi sulle sue posizioni in valuta estera. Le riserve d’oro hanno generato un plus valore di 9,1 miliardi, ha comunicato la BNS.

L’utile annunciato deriva quasi principalmente dal terzo trimestre, che ha messo a segno un surplus di 14,3 miliardi.

Nel primo trimestre l’istituto di emissione aveva registrato una perdita di 38,2 miliardi di franchi a causa dello scoppio della crisi legata al coronavirus. I conti della BNS sono poi migliorati, facendo segnare un modesto utile di 0,8 miliardi di franchi dopo sei mesi.

Il risultato è dovuto essenzialmente all’oro, che ha generato un plusvalore di 9,1 miliardi di franchi. Il prezzo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Economia
  • 1
  • 1