Psicologia

Affetto ricevuto
e personalità

Affetto ricevuto <br />e personalità
Il modo in cui ogni essere umano si relaziona con amici e partner tende a ricalcare il contesto familiare che ha vissuto durante gli anni di infanzia.

Affetto ricevuto
e personalità

Il modo in cui ogni essere umano si relaziona con amici e partner tende a ricalcare il contesto familiare che ha vissuto durante gli anni di infanzia.

Ciascun essere umano è un continuo susseguirsi di esperienze ed episodi. Ecco perché la storia di ognuno di noi è formata e condizionata dalla somma di tutto ciò che abbiamo avuto modo di vivere. Questo riguarda inevitabilmente anche il campo affettivo, e particolarmente come ci relazioniamo alle altre persone, siano esse amici o partner. Per questo motivo, l’affetto ricevuto dai propri genitori o familiari durante l’infanzia è in grado di influenzare il modo in cui affrontiamo oggi le nostre emozioni.

A confermarlo è uno studio svolto dall’Università di Harvard, in cui viene dimostrato come lo sviluppo psicologico dei figli sia in gran parte determinato dalla relazione parentale. Le prime connessioni a riguardo erano state esplorate dallo psicologo Albert Ellis oltre cinquant’anni fa, e si concentravano su come i bambini iniziassero a sviluppare dei contrasti emotivi nel momento in cui l’amore rivoltogli dai genitori smetteva di essere incondizionato e totalizzante. Attraverso la ricerca svolta dall’università americana, queste dinamiche vengono chiarite, mettendo bene in evidenza come il carattere e quindi la personalità di un essere umano adulto abbia trovato le sue radici, più o meno solide, nei legami familiari vissuti durante l’infanzia.

L’incisività di queste esperienze risulta essere piuttosto alta, e si rivela nei comportamenti quotidiani che le persone mettono in atto. Se quindi è nell’infanzia e nell’adolescenza che si fondano le dinamiche affettive di ognuno, le esperienze successive verranno vissute come una conferma o una smentita delle modalità vissute fino a quel momento. In questo senso, chi da piccolo ha vissuto in un contesto familiare privo di una certa quantità di cura sarà più predisposto a ricercare spasmodicamente amore e conferme all’interno della propria relazione. Lo stesso ragionamento vale se fatto sull’altro fronte: i bambini e le bambine che hanno avuto un’infanzia felice e ricca di attenzioni si dimostreranno anche persone adulte più sicure di sé e più stabili emotivamente.

Va ricordato, però, che non si riduce tutto all’ambiente familiare, e soprattutto non è corretto ricondurre ogni evento al proprio passato. Maturare e diventare adulti significa infatti anche prendersi la responsabilità delle proprie azioni e agire per cambiare la propria storia e i propri atteggiamenti in caso questi non ci fossero graditi. Nonostante l’influenza che il rapporto genitoriale può aver avuto, perciò, sta a ogni singolo rimettersi in gioco e scegliere il proprio futuro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1
    Educazione

    Bimbi resilienti
    a casa e a scuola

    Anche per i bambini, infatti, coltivare la resilienza è importantissimo per resistere alle «sfide» quotidiane con flessibilità e per rafforzare l’autostima.

  • 2
    Psicologia

    Bambini, affrontare
    il medico senza paura

    Quando il timore del dottore diventa una montagna invalicabile per i più piccoli, è importante aiutarli a superarla seguendo alcuni accorgimenti per tranquillizzarli.

  • 3
    Educazione

    La tecnologia
    nelle scuole ticinesi

    Nel caso della tecnologia in relazione alla didattica e all’educazione le domande sono molte, le premesse per una collaborazione proficua sono buone, ma occorre avere le idee chiare per iniziare questo percorso.

  • 4
  • 5
  • 1