Curiosità

Ecco l’equazione
che spiega l’amore

Ecco l’equazione <br />che spiega l’amore
Attraverso una formula matematica, che mette in relazione gli stati d’animo della coppia durante il dialogo, è possibile stabilire la riuscita di un matrimonio

Ecco l’equazione
che spiega l’amore

Attraverso una formula matematica, che mette in relazione gli stati d’animo della coppia durante il dialogo, è possibile stabilire la riuscita di un matrimonio

La matematica è in grado di spiegare qualsiasi cosa, ci dicevano a scuola; dai conti per fare la spesa al funzionamento dell’universo e dei suoi pianeti. Ma sarà capace di interpretare anche una cosa così irrazionale come i sentimenti? Secondo alcuni scienziati, sì. Si tratta dello psicologo John Gottman, professore emerito all’Università di Washington negli Stati Uniti, e di James Murray, matematico dello stesso ateneo, che nei primi anni Novanta hanno elaborato la «formula matematica dell’amore». Una scoperta sensazionale che ha aperto un grande dibattito sull’argomento. Certo, questo non significa che basti affidarsi alla scienza per trovare la propria anima gemella ma, secondo le ricerche dei due, esisterebbero alcuni elementi matematici, e quindi assolutamente veri e non confutabili, in grado di stabilire se una coppia può funzionare o meno.

Lo studio Gottman-Murray ha preso in esame una serie di coppie appena sposate, analizzandone i comportamenti nel corso degli anni. Ciò che interessava ai ricercatori era analizzare il modo in cui i due partner interagivano e dialogavano tra loro nella quotidianità. Durante il dialogo, infatti, è possibile misurare le reazioni (negative o positive) di entrambi, trasformandole in equazione. Quello che hanno scoperto è che sulla base dei cambiamenti di umore della persona in presenza del proprio compagno è possibile stabilire quasi con certezza la durata o quanto meno la riuscita del matrimonio. Insomma, la matematica ha confermato quello che chiunque capirebbe col buon senso: se dialogare con il partner ci rende più nervosi e stressati di quanto già non lo si è di per sé, forse sarebbe il caso di rivedere il proprio rapporto.

Nella pratica, l’equazione matematica ci spiega che per non arrivare ai ferri corti in amore è bene fare attenzione all’umore e alle sensazioni che l’altra persona è in grado di darci. Quando si è innamorati, ma soprattutto quando c’è alchimia e complicità nella coppia, tendiamo a essere felici in presenza dell’altro. Anche nei momenti naturali di discussione o litigi, i nostri livelli di eccitazione sono più alti; questo perché il partner attira la nostra attenzione e influisce sul nostro umore. Peggio sarebbe se la sua presenza e le sue parole ci lasciassero totalmente indifferenti, perché questo significherebbe che il sentimento si è spento o affievolito. Forse non serviva la matematica per spiegare tutto questo, ma il risultato degli studi dei due ricercatori è la dimostrazione lampante che, se anche l’amore perfetto non esiste, si può sempre provare a farlo durare per sempre.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1
    L’intervista

    Il Natale? Meraviglia
    tinteggiata di poesia

    Parliamo del giorno in cui il cristianesimo celebra la nascita di Gesù col filosofo Fabio Merlini «Una narrazione potente che, da laico, leggo come uno fra i grandi miti che raccontano la forza dell’amore»

  • 2
    Il cinema

    Sale nel caos, ma risate
    e lacrime non mancano

    Non ci sarà Batman, l’agente 007, Free Guy o Assassinio sul Nilo, ma i titoli in arrivo, pandemia permettendo, promettono di accontentare tutti i gusti e tutte le età, a partire dai lungometraggi animati

  • 3
    Le nostre tradizioni

    In Ticino l’albero di Natale arriva con la ferrovia

    Il simbolo del nostro Natale ha soppiantato il presepe, ma è una consuetudine abbastanza recente - Fino alla fine del 1800 nel nostro cantone era sconosciuto: è stato introdotto dalle famiglie confederate

  • 4
    Il poster

    La festa che si «sente»
    anche un mese prima

    I numeri del Natale a colpo d’occhio. Dalla classifica dei mercatini più belli (Zurigo è all’undicesimo posto) al tasso di sconto in Europa, ecco il lato «commerciale» della festa più attesa

  • 5
  • 1