Lettura ad alta voce

I piccoli lettori
crescono in biblioteca

I piccoli lettori <br />crescono in biblioteca
L’iniziativa avvicina bambini e ragazzi alla lettura e anche la «Biblioteca dei ragazzi» di Besso propone numerose attività

I piccoli lettori
crescono in biblioteca

L’iniziativa avvicina bambini e ragazzi alla lettura e anche la «Biblioteca dei ragazzi» di Besso propone numerose attività

«I libri ti mettono in comunicazione con la storia, ti collegano, anche senza wi-fi, con il mondo intero, trasmettono senza sosta pensieri diversi, del presente e del passato, raccontano la vita da punti di vista vicini e lontani, sono la memoria della specie umana.» Così, in «La scrittura nella scuola primaria», scrivono la pedagogista Monica Colli e l’insegnante di scuola primaria Grazia Mauri. E se la lettura è essenziale per la crescita, quale posto migliore delle biblioteche, per avvicinare piccoli e più grandicelli ai libri, mettendo a loro disposizione numerosi classici e nuove pubblicazioni, così come recenti contenuti multimediali, gratuitamente? Ne sono convinte Angela Riva e Alessandra Vignutelli, bibliotecarie, volontarie alla Biblioteca dei Ragazzi nata nel 1980 e con sede nel complesso della scuola elementare di Besso: «le biblioteche sono luoghi che aprono gli occhi di bambini e giovani alle innumerevoli opzioni di lettura disponibili al punto di cambiare il modo stesso in cui si avvicina ai libri.»

Varie ricerche mostrano come i bambini che iniziano a leggere siano più propensi a farlo quando messi in condizione di scegliere il loro materiale di lettura e non di rado - ricorda Alessandra Vignutelli - «osserviamo i più grandi aggirarsi per gli scaffali della biblioteca, alla ricerca degli autori preferiti, salvo poi imbattersi in nuove proposte che ampliano i gusti letterari dei giovani lettori e li sorprendono in modo anche inaspettato, liberando la fantasia». Nell’intimità del fruscio delle pagine oppure in contesti di socialità, in compagnia, ad esempio, di mamma e papà, dei nonni, degli insegnanti o di altri coetanei, «la biblioteca offre proprio uno spazio per fermarsi e immaginare grazie all’ascolto delle storie e alla lettura di libri adatti alle diverse età e fasi della crescita. Nella nostra biblioteca, ci sono oltre 16.000 contenuti, tra libri di narrativa e di divulgazione, DVD di divulgazione ed alcuni audiolibri», aggiunge Angela Riva.

Nessun bambino è infatti troppo piccolo per iniziare ad accompagnare un grande in biblioteca! «Portare, quanto prima, i piccoli in biblioteca e leggere loro fin dai primi mesi di vita, iniziando dalla ‘lettura delle immagini’ è fondamentale proprio per rendere la lettura un atto naturale, piacevole e che rimarrà certamente tra i piacevoli ricordi legati all’infanzia», sottolinea ancora Angela Riva, che è anche da anni impegnata, con le colleghe della biblioteca, a sostegno della campagna svizzera di promozione della lettura in età prescolare, «Nati per leggere», avviata in Ticino nel 2008: essa prevede che ogni neonato riceva in regalo un pacchetto contenente due libri cartonati per la prima infanzia e un opuscolo informativo per i genitori sull’importanza della lettura al bambino «poiché ciò aumenta le probabilità che questi rimanga un lettore in futuro e ne stimola e favorisce anche lo sviluppo cognitivo». E proprio a sottolineare la centralità della lettura ad alta voce, la Biblioteca dei Ragazzi a Besso partecipa oggi, 26 maggio, alla Giornata della lettura ad alta voce, proponendo letture diversificate e adatte ai bambini dai 3 ai 12 anni.

I piccoli lettori <br />crescono in biblioteca
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1