Relazioni

Il campo di battaglia
dei legami sentimentali

Il campo di battaglia <br />dei legami sentimentali
Quando non si è più soli ma in due, tutto va moltiplicato, nel bene e nel male. Ma attraverso validi stratagemmi, le cose possono sempre volgere al meglio

Il campo di battaglia
dei legami sentimentali

Quando non si è più soli ma in due, tutto va moltiplicato, nel bene e nel male. Ma attraverso validi stratagemmi, le cose possono sempre volgere al meglio

Ogni persona è diversa da tutte le altre, e questo si sa. Ma a volte si perde di vista l’importanza di tale assioma di fondo: si tratta di una verità fondamentale per imparare ogni giorno a rispettarsi e ad amarsi anche e soprattutto nelle differenze. Venirsi incontro nonostante le divergenze, infatti, è un fattore di forza all’interno della coppia, un elemento imprescindibile che rende ogni persona migliore e l’unione stessa in una relazione, in una convivenza o addirittura in un matrimonio, più equilibrata, duratura e serena. Affinché ciò si realizzi si consiglia di seguire cinque regole d’oro che aiutano concretamente sia in termini psicologici che nella gestione della vita quotidiana.

Innanzitutto bisogna imparare ad accettare i limiti, propri e altrui. Ciascuno ne ha, perché la perfezione non esiste e anche se esistesse stancherebbe dopo poco. Quindi è bene prendere coscienza dei confini entro cui si ha ampio margine di manovra e delle zone di paura e di panico oltre le quali sarebbe meglio non andare a sbilanciarsi.

In secondo luogo è importante innalzare progressivamente e costantemente il proprio livello di sopportazione e, di conseguenza, la famosa virtù dei forti: la pazienza. Perché in una relazione a due la fretta, l’impulsività e la facile ira, anche se momentanea, non aiutano la serenità sia individuale che collettiva, rendendo tutto più pesante e complesso. Quando invece si ha la capacità di fermarsi veramente, di riflettere con calma, di fare un profondo respiro per scrollarsi di dosso ansie e negatività e di credere profondamente nella buona riuscita di un intento, di una parola o di un intero progetto, tutto viene illuminato da una luce nuova, più calda e più pura.

Dopodiché è fondamentale mettere da parte l’egoismo imparando sia a dare che a ricevere nella giusta misura. E ciò si realizza in primis condividendo il proprio tempo e le proprie energie nello stare insieme al partner, il cardine della relazione. Le coppie in cui uno dei due – o magari entrambi – vive l’altro come un’ombra del proprio ego hanno una vita piuttosto breve e di solito non particolarmente felice.

E poi ancora, per fare in modo che una relazione sia bella, solare e genuina, bisogna rispettare gli spazi, i tempi e l’individualità dell’altro. Senza vivere in simbiosi ma, anzi, permettendosi a vicenda di fare anche le proprie esperienze individuali, la relazione stessa cresce e si sviluppa a suon di maggiore dialogo e confronto.

Infine bisogna caldamente evitare l’invidia e la competizione. Sostenersi e spronarsi a vicenda per mirare al meglio è un fattore molto positivo, ma se poi i successi dell’altro diventano un modo per sentirsi da meno e mettere in atto delle rivalse tutto potrebbe facilmente andare a rotoli.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1
    L’intervista

    Il Natale? Meraviglia
    tinteggiata di poesia

    Parliamo del giorno in cui il cristianesimo celebra la nascita di Gesù col filosofo Fabio Merlini «Una narrazione potente che, da laico, leggo come uno fra i grandi miti che raccontano la forza dell’amore»

  • 2
    Il cinema

    Sale nel caos, ma risate
    e lacrime non mancano

    Non ci sarà Batman, l’agente 007, Free Guy o Assassinio sul Nilo, ma i titoli in arrivo, pandemia permettendo, promettono di accontentare tutti i gusti e tutte le età, a partire dai lungometraggi animati

  • 3
    Le nostre tradizioni

    In Ticino l’albero di Natale arriva con la ferrovia

    Il simbolo del nostro Natale ha soppiantato il presepe, ma è una consuetudine abbastanza recente - Fino alla fine del 1800 nel nostro cantone era sconosciuto: è stato introdotto dalle famiglie confederate

  • 4
    Il poster

    La festa che si «sente»
    anche un mese prima

    I numeri del Natale a colpo d’occhio. Dalla classifica dei mercatini più belli (Zurigo è all’undicesimo posto) al tasso di sconto in Europa, ecco il lato «commerciale» della festa più attesa

  • 5
  • 1