Il disturbo

Il ruolo dei genitori
per vincere la dislessia

Il ruolo dei genitori <br />per vincere la dislessia
La lettura rafforza la comprensione

Il ruolo dei genitori
per vincere la dislessia

La lettura rafforza la comprensione

Difficoltà nella lettura, lentezza nella scrittura e scarso rendimento scolastico. Spesso i genitori interpretano questi segnali come sintomi di pigrizia. In realtà potrebbero essere i primi campanelli d’allarme di un disturbo che, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the International Neuropsychological Society, colpisce tra il 6 e il 14% dei ragazzi in età scolastica: la dislessia.

Si tratta di un problema serio che, se non diagnosticato in tempo, può influire negativamente sull’educazione dei piccoli. Nonostante le difficoltà di apprendimento, le persone che ne soffrono hanno buone capacità di sviluppo cognitivo.

Ad oggi le cause della dislessia rimangono sconosciute, sebbene le evidenze scientifiche propendano per una base genetica e neurobiologica combinata a fattori di rischio ambientale.

Il ruolo dei genitori <br />per vincere la dislessia

Convivere con il disturbo è possibile, ma richiede la collaborazione di genitori, medici e insegnanti. Particolarmente raccomandati sono gli interventi di specialistici come i logopedisti. Le terapie migliorano la velocità e la correttezza della lettura mentre gli esercizi aiutano l’automatizzazione dei processi di conversione tra lingua scritta e lingua orale.

A scuola gli alunni che ne soffrono dovrebbero avere a disposizione strumenti didattici e tecnologici che ne facilitino l’apprendimento come computer, tablet, dizionari digitali e registratori.

Ma a svolgere un ruolo importante per lo sviluppo dei bambini sono soprattutto i genitori. Un’ottima strategia per combattere il disturbo è leggere insieme dei libri: l’attività migliora il vocabolario, rafforza la comprensione e aiuta la familiarità con il testo. La cosa essenziale, però, è incoraggiare e sostenere i figli mentre imparano qualcosa di nuovo: ciò ne migliorerà l’autostima e li farà crescere più sereni e consapevoli delle proprie potenzialità.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Famiglia
  • 1