Relazioni

La funzione del papà
durante l’allattamento

La funzione del papà <br />durante l’allattamento
Spetta alla mamma nutrire il bimbo ma anche l’altro genitore ha un ruolo fondamentale, dal supporto morale alle faccende domestiche

La funzione del papà
durante l’allattamento

Spetta alla mamma nutrire il bimbo ma anche l’altro genitore ha un ruolo fondamentale, dal supporto morale alle faccende domestiche

Quando si parla di allattamento del bambino viene naturale pensare immediatamente al ruolo della mamma. Certo, spetta a lei tenere direttamente tra le braccia il figlio e nutrirlo. È però fondamentale non sottovalutare la funzione del papà, per una serie di motivi, da quelli di carattere pratico a quelli più «emozionali». La condivisione e l’unità tra i genitori resta quindi un aspetto essenziale, anche nel momento del «pasto» del bebè.

Sono molti i modi in cui un uomo può dare una mano alla propria moglie nel corso di una fase così importante, che da un lato favorisce la crescita del piccolo e dall’altro consolida ulteriormente il rapporto tra la mamma e il bimbo. Durante l’allattamento al seno la donna può dover fare i conti con piccoli problemi, come ragadi e mastiti. Se ciò avviene spetta al papà del bambino supportarla psicologicamente e accompagnarla dal medico.

Non va poi dimenticato un ulteriore aiuto morale. In alcuni casi, nei primi mesi dopo il parto la neomamma può vivere periodi un po’ difficili, manifestando nervosismo o tristezza. Il ruolo del marito, in questa fase, è quanto mai decisivo: parole dolci e gesti d’affetto nei confronti della consorte rappresentano infatti la migliore medicina. Sono questi piccoli gesti a fare la differenza. A volte è sufficiente sistemare i cuscini del divano per far sì che la moglie stia comoda mentre allatta, oppure portarle qualcosa da mangiare per farle sentire tutta la propria vicinanza.

Come sanno bene tutte le neomamme, poi, nei primi mesi è fondamentale dedicarsi anima e corpo al bimbo. Le faccende domestiche non possono però essere tralasciate. Anche in queste circostanze l’intervento del padre del piccolo si rivela determinante: usare i propri momenti liberi per sgravare la moglie dal dover fare il bucato o dal preparare la cena – solo per fare qualche esempio – è essenziale per migliorare l’armonia familiare.

Data l’importanza dell’allattamento al seno, è doveroso liberare la neomamma dagli impegni quotidiani, per far sì che possa riservare amore e concentrazione al figlio. Una volta conclusa la poppata, anche per il papà arriva il giusto premio: tenere in braccio il bimbo è un’emozione unica. Questa, e mille altre soddisfazioni riservate a chi ha avuto un figlio da poco tempo, sono un premio davvero straordinario, che compensa ampiamente i piccoli sacrifici quotidiani del periodo dell’allattamento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1