CONSIGLI

Perché é meglio preferire
i pannolini lavabili

Perché é meglio preferire<br />i pannolini lavabili

Perché é meglio preferire
i pannolini lavabili

La pandemia da Coronavirus ha messo in luce il fattore umano e il suo impatto ambientale. Oggi più che mai, dunque, è attuale il ripensamento di uno dei prodotti entrati nella quotidianità di coloro che accudiscono bambini piccoli: il pannolino. Secondo l’Associazione Non solo Ciripà, “per ogni bambino nei primi 3 anni di vita vengono usati circa 6.000 pannolini, realizzati con petrolio, energia e cellulosa, nonché sostanze chimiche che inquinano le acque per la produzione.” Sbiancare la cellulosa dei pannolini e il processo di inceneritura provocano l’emissione nell’aria di pericolose diossine e altri inquinanti. Così “gli usa e getta” giacciono nelle discariche con lunghi tempi di decomposizione (dai 200 ai 500 anni) e forti rischi di contaminazione.

Perché é meglio preferire<br />i pannolini lavabili

Un’alternativa green è quella dei pannolini lavabili. In Ticino, Luisa Longo, mamma di tre bambini, è una convinta sostenitrice dei pannolini lavabili che ha per i propri figli. Per alcuni anni ha anche svolto attività di informazione legate al prodotto, consigliandone l’uso alle neo-mamme: “Inizialmente, le mie interlocutrici erano madri già informate o comunque sensibili alle questioni ambientali. Devo dire invece che già negli ultimi tempi è cresciuto l’interesse da parte di un’utenza più generalizzata”. Tra i motivi non c’è solo una rinnovata consapevolezza ambientale, ma anche una questione economica: nel lungo termine vi è un risparmio, in quanto i ‘lavabili’ possono essere riutilizzati più volte, e riadoperato per più bambini. “Ne avevo trenta, a taglia unica, che ho usato da quando i miei figli erano bebè fino a quando non ne hanno più avuto bisogno”, ricorda Luisa, “Li lavavo – anche con altri vestiti, generalmente a 40° - ogni due, tre giorni, e li mettevo nell’asciugatrice. Ai genitori che temono di non avere abbastanza tempo per star dietro ai pannolini lavabili, il consiglio è di provare.”

I “lavabili” sono anche un valido alleato contro la dermatite da pannolino. La parte esterna, impermeabile, è realizzata poliuretano laminato, lana o pile. La parte interna, a contatto con la pelle del bimbo, è costituita da cotone, bambù, canapa, oppure micropile, che protegge dall’umidità. Tra le due parti sono inseriti “gli assorbenti” di cotone, tramite uno o due bottoncini a pressione. L’assenza di sostanze allergizzanti, rendono i pannolini lavabili molto adatti alla pelle dei bambini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1