Online

Studiare è più difficile
per chi dipende dal web

Studiare è più difficile <br />per chi dipende dal web
Una ricerca internazionale ha messo in evidenza le conseguenze negative dell’uso eccessivo di internet sugli studenti

Studiare è più difficile
per chi dipende dal web

Una ricerca internazionale ha messo in evidenza le conseguenze negative dell’uso eccessivo di internet sugli studenti

Da anni il mondo scientifico studia il rapporto tra utilizzo di internet e apprendimento. Da una parte, infatti, il web può essere un prezioso alleato nell’accrescere le proprie conoscenze. Dall’altra, tuttavia, può avere un effetto negativo sulle capacità di apprendimento, specie nel lungo termine. Già alcuni anni fa, una ricerca curata dall’Università degli studi di Waterloo, in Belgio, aveva sottolineato come un’eccessiva dipendenza da internet finisse per renderci insicuri delle nostre conoscenze. Una tesi confermata anche da un recente studio internazionale.

Sulla scia delle commemorazioni per i 35 anni di internet, l’Università degli studi di Milano e quella di Swansea, in Regno Unito, sono tornate ad indagare il rapporto tra internet e apprendimento. I ricercatori dei due atenei hanno analizzato i dati relativi a 285 studenti che frequentavano facoltà sanitarie. Ogni partecipante allo studio veniva valutato in base al modo di utilizzare le tecnologie digitali. Allo stesso tempo venivano analizzate le capacità di apprendimento, le motivazioni e gli stati d’animo, tra cui ansia e solitudine.

Dall’analisi è emerso un legame negativo tra dipendenza da internet e motivazione. Uno studente su quattro trascorre più di quattro ore al giorno online. La maggior parte del tempo viene dedicata a social network (40%) e alla ricerca di informazioni (30%). Il punto è che coloro che sono risultati dipendenti in misura maggiore dal web hanno anche mostrato una certa difficoltà nell’organizzare il proprio studio in modo produttivo. Ciò si ripercuote sullo stato d’animo, causando una certa ansia per gli esami. Chi trascorre più tempo online, inoltre, tende ad avere meno relazioni personali: di conseguenza tende a sentirsi più solo.

Come ha commentato Roberto Truzoli dell’Università di Milano, la dipendenza da internet sembra compromette una serie di capacità. Controllare gli impulsi, pianificare il proprio studio ed essere sensibili ad una ricompensa diventa più difficile per chi non può fare a meno del web. Quasi si utilizzasse la rete come una sorta di stampella virtuale: appena questa viene meno, diventa più complicato organizzare la propria vita. Il collega Phil Reed, infine, sottolinea come anche il rendimento accademico di chi sviluppa questa «dipendenza» sia a rischio: i voti tendono ad essere più bassi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Famiglia
  • 1