Il video

Apparecchiare così
per queste feste

Apparecchiare così <br />per queste feste
La padronanza della tradizione è importante e si vede anche dalla disposizione dei coperti

Apparecchiare così
per queste feste

La padronanza della tradizione è importante e si vede anche dalla disposizione dei coperti

Come vanno disposti gli elementi dei coperti? Quale distanza deve esserci tra uno e l’altro? Tutti i consigli e le curiosità sul menu per le feste. Le regole da sapere prima di sedersi a tavola, come maneggiare i tovaglioli (da cambiare prima del dolce) e i punti per un cappone al top. Ecco la videografica con tutte le informazioni!

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO
Etnici e vegani, il menu «diverso»

Non sempre, a tavola, Natale e tradizione stanno bene insieme. L’idea di brindare, per l’ennesimo anno, davanti a un piatto di tortellini in brodo o di chiudere il pranzo con la solita fetta di pandoro può non essere particolarmente entusiasmante. Una sferzata di aria fresca in cucina può essere utile per ridestare la passione e riscoprire il gusto di questa festa.

Tacos messicani, deliziose tortillas croccanti ripiene di formaggio o pesce
Tacos messicani, deliziose tortillas croccanti ripiene di formaggio o pesce

Le tradizioni culinarie di altri Paesi possono rivelarsi preziose fonti di ispirazione. Un’idea per l’antipasto sono, ad esempio, i tacos messicani, deliziose tortillas croccanti ripiene di formaggio o pesce. La moussaka greca, invece, può essere servita come piatto forte del pasto: a metà tra una parmigiana e una lasagna, la pietanza richiama i sapori della cucina mediterranea mescolandoli al carattere della carne. Per il secondo gli amanti del pesce possono puntare sul ceviche. Proveniente dal Perù, questo piatto a base di pesce crudo marinato ha un sapore piuttosto deciso, esaltato dal mix di aglio, cipolla e lime. Un’idea per chi non vuole rinunciare alla carne sono le kottbullar svedesi, polpettine speziate sfiziose, delicate e particolarmente gradite ai più piccoli.

Per chiudere alla grande il pasto c’è il dulce de leche, un dessert originario dell’America Latina a base di latte e zucchero. Pescare dalla cucina vegetariana è un altro ottimo modo per rivoluzionare con stile il menu di Natale. Una quiche ai funghi e pinoli o i più classici cannelloni ricotta e spinaci reggono bene come portate principali. Con gli antipasti si può lasciare libero sfogo alla fantasia: si va dalle cipolle ripiene di tartufo ai coni di parmigiano con fagioli e cipolle. Per il dessert, infine, è possibile rivisitare il pandoro optando per una versione al farro o – per i veri anticonformisti – vegana, con fecola di patate, latte di soia e margarina vegetale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Gusto
  • 1