Per Pasqua

Casa del vino in soccorso dei nostri allevatori

Casa del vino in soccorso dei nostri allevatori

Casa del vino in soccorso dei nostri allevatori

Come ormai sappiamo, quest’anno la maggior parte delle famglie ticinesi sarà obbligata a trascorrere la Pasqua a casa propria. La prolungata chiusura degli esercizi pubblici ha creato non poche difficoltà anche ai nostri allevatori di capretti che fanno molta fatica a trovare degli acquirenti. Per molti, il pranzo pasquale è un momento da trascorrere insieme, sovente al ristorante in modo che anche la cuoca di casa possa godersi la giornata.

Casa del vino in soccorso dei nostri allevatori

Ecco allora un’iniziativa che tende ad aiutare i nostri contadini, e sollevare le massaie, messa a punto dalla «Casa del vino Ticino».

Poiché tra i piatti tradizionali che compaiono sulle tavole imbandite del giorno di Pasqua il capretto non manca mai, la “Casa del vino Ticino”, forte della filosofia che intende sempre sostenere l’agro-alimentare locale, vuole dare una mano ai nostri allevatori, preparando grazie allo chef Fabio Spina i capretti nostrani che si potranno poi ritirare direttamente in via Ghitello 3, a Morbio Inferiore. Addirittura, chi abita nel Mendrisiotto potrà farselo recapitare a casa.
Maggiori informazioni si possono trovare su www.casadelvinoticino.ch oppure chiamando i seguenti numeri telefonici: 091 695 75 52 oppure 079 378 70 73.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Gusto
  • 1