La ricetta

Nusstorte engadinese:
esperienza per i sensi

Nusstorte engadinese: <br />esperienza per i sensi

Nusstorte engadinese:
esperienza per i sensi

Nusstorte engadinese: <br />esperienza per i sensi

Nusstorte engadinese:
esperienza per i sensi

Immagino che non vi stia svelando un gran segreto dicendovi che questa torta è straordinariamente buona ...e pure una bomba calorica (non dovevo dirlo?)

Mi sono informata, sì. Uno perché volevo raccontarvi qualcosa in più di questa torta, e due perché ero seriamente curiosa di capire chi avesse inventato questo dolce che, più che un dolce, è una vera esperienza culinaria. Risultato? Non ci ho capito nulla. Ho letto praticamente tutto ciò che c’era da sapere a riguardo, ma c’è confusione. E ora sono confusa pure io. Famiglie che se ne contendono l’invenzione, paesi che “la prima è stata sfornata qui”, furto di ricetta, insomma: una torta assai contesa. Fatto sta che è ben più che centenaria, ha origini engadinesi, le noci mi pare di aver capito che ai tempi le facessero arrivare addirittura dalla California, e che ogni pasticceria dal Maloja fino a Zuoz ha la sua personalissima ricetta. Che non ci svelerà mai. Patrimonio culinario, mica roba sulla quale scherzare. C’è chi ci mette il miele, chi la vaniglia, chi più farina, chi meno panna. Ma tutti sono concordi nel dire che sia una delle meraviglie che l’Engadina ci offre.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DELLA RICETTA!

Oggi vi lascio la mia versione di questa torta speciale, che si può tranquillamente fare a casa...con un po’ di pazienza, un po’ di dimestichezza e tanta voglia di chiudere gli occhi e degustarla facendo finta di essere proprio lì, su una terrazza in pieno sole immersa in una coltre di neve bianchissima.

Difficoltà: media
Tempo di preparazione: 40 minuti
Tempo di cottura: 35 minuti

Ingredienti per una torta (25 cm di diametro)

300 grammi di farina bianca
120 grammi di zucchero

180 grammi di burro

1 cucchiaino da caffè di sale dell’Himalaya

1 uovo sbattuto
1 cucchiaino di polvere di vaniglia (opzionale)

Per il ripieno:
230 grammi di zucchero

6 cucchiai di acqua

300 grammi di noci

2.3 dl di panna intera

1 cucchiaio da caffè di sale dell’Himalaya

1 cucchiaino di polvere di vaniglia (opzionale)

Procedimento

Iniziate mettendo la farina, lo zucchero, il sale e la vaniglia in una terrina e mescolate bene. Aggiungete il burro tagliato a tocchetti e l’uovo sbattuto, ed impastate. Quando il composto sarà ben liscio, copritelo e mettetelo in frigorifero per circa 30 minuti.

Dividete l’impasto in tre parti. Prendetene un terzo e con l’aiuto di un matterello e un po’ di farina stendetelo ricavando un disco della grandezza della tortiera. Foderate la tortiera con della carta da forno (bagnata con acqua e strizzata bene). Inserite il disco di pasta. Prendete un altro terzo di impasto e create due rotoli di circa 30 cm l’uno con i quali dovrete creare il bordo della torta. Fate una leggera pressione con le dita in modo che il bordo si attacchi bene al fondo della torta. I bordi devono essere alti circa 3 cm. Bucherellate più volte il fondo con una forchetta e poi riponetelo in frigorifero. Create un altro disco con l’ultimo pezzo di impasto (infarinatelo bene sui due lati) e sistemate pure lui in frigorifero per almeno 15 minuti.

Nel frattempo preparate il ripieno. Mettete l’acqua e lo zucchero in una padella, portate a bollore muovendo la padella “avanti e indietro” senza rimestare. Abbassate un pochino la temperatura e continuate a muovere la padella, vedrete che ad un certo punto inizierà a crearsi un caramello (lo zucchero diventerà dorato). A quel punto togliete la padella dal fuoco, aggiungete le noci, il sale e la vaniglia e mescolate bene. Aggiungete ora la panna, rimettete la padella sul fuoco e fate sobbollire per un paio di minuti. Abbassate poi la temperatura e continuate a cuocere per una decina di minuti. Togliete la padella dal fuoco e fate raffreddare le noci.
Accendete il forno a 160 gradi (ventilato). Prendete ora la tortiera dal frigorifero, distribuite le noci sopra alla base e livellatele. Ora prendete il secondo disco di pasta e posizionatelo sopra alle noci. Con l’aiuto di un po’ di acqua, fate aderire l’impasto al bordo. Con i rebbi di una forchetta schiacciate leggermente tutto il bordo, vi aiuterà a far aderire la pasta ed a creare una decorazione. Bucherellate anche la superficie della torta. Infornate nella parte inferiore del forno a 160 gradi per 35 minuti. La torta si conserva in frigorifero per una settimana.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO FINALE CON IL «SEGRETO» DELLA TORTA DI NOCI ENGADINESE!
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Gusto
  • 1