MOMENTI DI... VINI

Un Blanc des blancs degno del Castello

Un Blanc des blancs degno del Castello

Un Blanc des blancs degno del Castello

Chiariamo subito un concetto: quello che stiamo per presentarvi non è un classico vino dell’estate. Pensate a qualcosa di leggero e beverino? Allora scordatevi questo Castello di Cantone, prodotto dall’omonima cantina di Viviana Pasta e Dario Pistarà a Capolago. Qui siamo alle prese con un Blanc de blancs di grande spessore, ottenuto da uve Chardonnay, ovviamente vinificate col metodo classico. L’annata 2016 è la prima - e per il momento unica - disponibile sul mercato, dove arriva al termine di una lunga fermentazione sui lieviti, ben 36 mesi. In questo periodo di... sonno attivo, le bollicine del Castello di Cantone si sono affinate, hanno acquisito colore, profumi e sapori intensi, un carattere deciso, franco, diretto. Perlage finissimo, aromi delicati nei quali ritroviamo note intense di pesca, agrumi e crosta di pane, un gusto morbido e persistente che delizia il palato. Abbiamo a che fare con un vino che, senza vergogna, può confrontarsi con molti Champagne e i migliori Franciacorta, un nettare realizzato senza aggiunta del «liqueur d’expedition» (pas dosè), lo sciroppo a base di vino fermo e zucchero che si usa nel metodo classico. Il Castello di Cantone è retto da una buona acidità, mai invandente, è elegante e capace di reggere tutto un pasto, ma sarà spettacolare come aperitivo e accompagnerà in maniera superba piatti di pesce (cotto e crudo) e crostacei

Un Blanc des blancs degno del Castello
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Gusto
  • 1