Nel 1979 la scrittrice Bianca Pitzorno pubblicava «Extraterrestre alla pari», un libro - per dirla con le parole dell’autrice - «che mostra quante contraddizioni e quanti pregiudizi si annidano nell’educazione delle bambine e dei bambini». Contattiamo Pitzorno, vincitrice del premio Chiara lo scorso fine settimana, dopo la decisione di LEGO di togliere dalle confezioni giocattolo la dicitura «prodotto per bambini» o «per bambine». «Non sono stupita», commenta Pitzorno. «Anzi credo che la decisione arrivi in ritardo e che segua una tendenza già in atto da tempo. Faccio un esempio molto semplice e apparentemente banale. Questa mattina ho visto un papà che portava i figli a scuola. Con una mano spingeva la carrozzina, con l’altra teneva una bicicletta. Mio padre, per quanto affettuoso, non...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Forse ti sei perso
  • 1