De gustibus...est disputandum!

HUB STYLE

Iniziamo il nostro derogabile vademecum con l’unico gioiello concesso al gentiluomo: i gemelli

De gustibus...est disputandum!
English actor Michael Caine, throwing a punch, August 1965. (Photo by Stephan C Archetti/Keystone Features/Hulton Archive/Getty Images)

De gustibus...est disputandum!

English actor Michael Caine, throwing a punch, August 1965. (Photo by Stephan C Archetti/Keystone Features/Hulton Archive/Getty Images)

De gustibus...est disputandum!

De gustibus...est disputandum!

Con l’arrivo della bella stagione, anche il maschio più austero sente la voglia di agghindarsi. Parlando di gioielli, gli unici concessi al gentiluomo sono i gemelli. Sbizzarritevi con fogge, metalli, pietre rare e cromie, ma evitate quelli propiziatori, tipo cornetti, peperoncini o piccoli falli. Con i vintage di Cartier, Van Cleef & Arpels e Fabergé si viaggia al massimo livello di esecuzione, ma è molto più signorile esibire con pudore quei gemelli smaltati che vostro nonno aveva fatto personalizzare all’11 di Savile Row da Huntsman con il profilo del suo adorato Vizsla, facendo attendere un indispettito avvocato Agnelli. Se non tornate mai alla magione senza prima aver speso tutto l’oro della bisaccia, suggerisco una puntata da Buccellati. Già deliziose sono le foglioline d’oro da polsino, ma i gemelli più preziosi presenti in collezione, che giocano con zaffiri rosa, diamanti, giada e peridoto, saranno l’abito cristallino di cui si vestirà ogni vostro baciamano. Per una semiotica più understated, potete scegliere i signorili Altiplano cufflinks firmati Piaget. Nel caso foste dei bondiani nostalgici di Sir Thomas Sean, Anthony Sinclair – le cui mani confezionarono la malia dell’originale – in collaborazione con Deakin & Francis ha realizzato una copia fedele dei gemelli indossati da James Bond al tavolo da gioco in Dr. No (Licenza di uccidere). Un’accortezza generale: questi accessori guidano l’occhio verso i vostri polsini, siate dunque certi che non vi mettano in imbarazzo. Non importa se il vostro francese sia singolo o doppio, se dritto o stondato; ciò che conta è che esca con misura dalla giacca, sia sempre immacolato (basta un’impercettibile macchiolina di sugo per collocarvi a vita) e che abbia asole cucite a mano. Potete ostentare anche delle gemme di alessandrite al polso, ma se sbucano da asole tagliate a macchina non avranno alcuna luce. Per le altre gioie, meglio intransigenti. Anulus piscatoris e chevalier solo se siete pontefici o avete diritto di vita e di morte sui vostri feudi. Niente braccialetti o collanine dopo i 18 anni. Monili caraibici o pendagli selvatici solo se il dente di squalo che ostentate al collo è stato strappato allo sfortunato carcarodonte dalle vostre stesse mani rapaci.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hub
  • 1
  • 2
  • 3

    Una bellezza russa

    HUB SETTEMBRE

    Slavista e autrice di culto, Serena Vitale ha molto da raccontare

  • 4

    Philanthropist and gentleman - Rahmi M. Koç a creator of museums

    HUB COVER STORY SEPTEMBER

    They say that money, however helpful it may be, will never be enough to buy some things. On what these things are one can discuss at length but it’ s certain that among them there is good taste, an attitude that is becoming more and more rare. Someone who has no issues with money or good taste is the Turkish tycoon Rahmi M. Koç (the «ç» is pronounced as a «coach»).

  • 5

    Filantropo e gentiluomo

    HUB INTERVISTA

    Pochi tycoon spendono i soldi come il turco Rahmi M. Koç, fondatore seriale di musei

  • 1
  • 1