Questo mese, durante la realizzazione del nostro magazine, ho chiesto al team editoriale di Hub qualche consiglio sulle mille idee che mi frullavano in testa. Sono fortunata ad avere una redazione per condividere pensieri e opinioni, e così, quando è arrivata la proposta riguardante il miliardario turco Rahmi M. Koç ero ed eravamo tutti euforici. Quando un giovane di 90 anni ti dedica il suo tempo, tu accetti, giusto? Rahmi M. Koç è un collezionista e in un periodo di grandi cambiamenti tali personaggi giocano un ruolo chiave nella salvaguardia della cultura, dell’arte e della tradizione. Questi pionieri sono presenti anche in Svizzera. È giusto che le loro gesta vengano raccontate e valorizzate. C’è qualcosa di più bello che fondare un museo? Altra riflessione: la cultura può essere sostenuta dagli influencer? La coppia di celebrità «Ferragnez» ha mostrato interesse per il Giardino dei tarocchi di Niki de Saint Phalle. Molti criticano gli influencer, ma quello che hanno loro fatto è semplicemente mettere sotto i riflettori un luogo d’arte. Davanti a ciò, dovremmo forse giudicare meno. Che ne pensate? E ancora: Serena Vitale è la più importante studiosa italiana di letterature slave - se non avessimo donne prolifiche come lei, dove andrebbe la nostra cultura? La scrittura è davvero un gran mezzo che donne e uomini possono usare per esprimersi. Instagram va bene, ma scrivere (anche solo un diario) è un ottimo modo per conoscere se stessi. Che ne dite di aprire una rubrica di vostre lettere su Hub, cari lettori?

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Hub
  • 1