Verso il 7 aprile

«Convinto di poter mantenere il seggio»

L’ottimismo di Paolo Beltraminelli a Piazza del Corriere - Dibattito e confronto sul DSS, gli errori dell’USSI e le imminenti elezioni - IL VIDEO DELLA PUNTATA

«Convinto di poter mantenere il seggio»
(Foto Archivio CdT)

«Convinto di poter mantenere il seggio»

(Foto Archivio CdT)

MELIDE - La sanità e il DSS sono stati i grandi protagonisti della nuova puntata di Piazza del Corriere, speciale elezioni. Ospite di Gianni Righinetti, martedì sera su TeleTicino, è infatti stato il direttore del Dipartimento e consigliere di Stato popolare democratico Paolo Beltraminelli, che per l’occasione ha duellato con altri quattro candidati al Governo: Sebastiano Gaffuri (PLR), Laura Riget (PS), Simona Arigoni Zürcher (MPS) e Valerio De Giovanetti (Verdi liberali). E a far discutere, in entrata, è stato il fresco rapporto sugli errori registrati nell’Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento (USSI) presentato in Commissione della gestione sulla scorta di un esame a campione del Controllo cantonale delle finanze. Quest’ultimo, ha riconosciuto Beltraminelli, «ci aveva fatto avere un bollino rosso per questo ufficio. Con il voto parlamentare sul Preventivo 2019 abbiamo però ricevuto risorse supplementari e ora ci stiamo organizzando per fare in modo di minimizzare il più possibile gli errori». Spiegazioni che non sono però bastate a Riget: «In tutti i Dipartimenti si registrano delle disfunzioni, ma ultimamente nel DSS i casi d’errore sono stati superiori alla media». Un’osservazione subito commentata da Beltraminelli: «Senza voler sminuire gli errori, con 1.500 milioni di budget e un numero elevato di collaboratori, associazioni ed enti che fanno capo al Dipartimento, la mole di lavoro – ed è stato riconosciuto – è estremamente importante».

Il dibattito ha quindi affrontato altri temi di stretta attualità. Dalla condanna all’ex funzionario del DSS per coazione sessuale («in attesa dei risultati dell’inchiesta amministrativa il Parlamento settimana prossima riceverà solo risposte parziali» ha chiarito Beltraminelli) alle recenti iniziative popolari lanciate a livello nazionale da PPD e PS per frenare l’aumento dei costi della salute. Ma spazio hanno trovato anche le imminenti elezioni. «Non nascondiamo che il sogno di riconquista del secondo seggio è presente da quando, nel 2011, lo abbiamo perso» ha ammesso Gaffuri. Per poi aggiungere: «Abbiamo impostato la campagna non contro qualcuno ma sui temi e su di un programma articolato». «Siamo uniti, la squadra è interessante, ma un consigliere di Stato uscente deve mostrare quanto ha fatto ed essere convinto di poter mantenere il suo seggio alla luce del positivo lavoro svolto» ha rilevato Beltraminelli. E Manuele Bertoli, merita di restare in sella? «Su alcuni dossier, e penso al salario minimo, si è chiaramente distanziato dal resto del Governo, ma su altri effettivamente si è purtroppo dimostrato troppo conciliante» ha affermato Riget. Dove può arrivare invece l’MPS il 7 aprile? «Almeno alla riconferma del seggio, ma spero anche di più» ha indicato da parte sua Arigoni Zürcher. «Noi siamo liberali e Verdi, quindi a favore dell’economia e per l’ambiente ma mettendo sempre al centro la persona» ha chiuso De Giovanetti.

Loading the player...
Il video della puntata.
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Il Corriere in tv
  • 1
    Teleticino

    Beltraminelli e gli altri

    Alle 20.30 torna Piazza elezioni i temi e i tormenti della sanità e della socialità - E quelli della campagna

  • 2
  • 3
  • 4
    Teleticino

    Lavoro? Giù la maschera

    A Piazza del Corriere prosegue la corsa al Governo con Christian Vitta (PLR), Roberta Soldati (Lega-UDC), Amalia Mirante (PS), Alessandro Lucchini (PC) e Massimo Mobiglia (Verdi Liberali)

  • 5
  • 1