Pantani: «Non punto al sindacato, ma...»

Teleticino

A La domenica del Corriere in vista delle comunali hanno duellato il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni e la municipale leghista

Pantani: «Non punto al sindacato, ma...»
Bruno Arrigoni e Roberta Pantani.  © CdT

Pantani: «Non punto al sindacato, ma...»

Bruno Arrigoni e Roberta Pantani.  © CdT

Le elezioni si avvicinano a grandi passi e anche a Chiasso si scaldano i motori in vista del rinnovo dei poteri comunali. Ospiti di Gianni Righinetti, due candidati di spicco della cittadina di confine hanno duellato ieri sera a La domenica del Corriere: il sindaco Bruno Arrigoni che cerca la riconferma e la municipale Roberta Pantani che non ha nascosto di puntare a un ottimo risultato.

Il duello fra i due candidati è iniziato con un tema che molto a fatto discutere in questa legislatura: l’aggregazione tra i Comuni del basso mendrisiotto. Sul tema Pantani ha dichiarato che «si tratterà dell’argomento principale della prossima legislatura. Soprattutto perché essere un Comune più grande permetterebbe a Chiasso di essere un interlocutore più ascoltato dal Cantone». Secondo Pantani nella legislatura che si sta chiudendo «è mancato un po’ di coraggio da parte dei sindaci di alcuni Comuni» e «sarebbe stato bello fare una votazione consultiva per sapere cosa pensa la popolazione di questa possibilità». Arrigoni dal canto suo ha ricordato che «lo studio del Cantone arrivato ad inizio legislatura nel quale si prevedeva un Comune unico per il mendrisiotto, è forse stato utilizzato come una scusa da alcuni sindaci della regione per non muoversi». Detto ciò, il sindaco ha auspicato che dopo le elezioni il dossier si possa sbloccare, anche perché «si tratta di un progetto che andrà a beneficio delle nuove generazioni».

Riguardo al tema delle finanze pubbliche della cittadina di confine, entrambi i candidati hanno sottolineato il lavoro svolto dal Municipio per migliorare la situazione difficile scaturita dalla crisi del settore bancario del 2008. «In questi quattro anni abbiamo lavorato bene e abbiamo così fermato il debito che continuava a crescere. Purtroppo abbiamo aumentato il moltiplicatore e ridotto gli investimenti. Ma oggi la situazione è migliorata e possiamo finalmente iniziare a fare investimenti mirati». Anche Pantani ha evidenziato che i conti di Chiasso «non sono così cattivi come molti vogliono far credere».

Durante il duello il sindaco e la municipale hanno poi dato le proprie ricette per rilanciare il centro della cittadina, invitando anche i commercianti e gli esercenti ad essere più presenti, e si è discusso del possibile rilancio del Centro Ovale, che però anch’esso spetta ai privati.

Top e Flop
Arrigoni e Pantani hanno poi dato i propri «Top» e «Flop» di Chiasso. Il sindaco ha sottolineato gli ottimi risultati della cittadella della cultura, «invidiata da tutti». Arrigoni ha inoltre ricordato la spinta data dalla Città al fenomeno del Bitcoin. Dal canto suo Pantani ha invece voluto evidenziare la posizione strategica di Chiasso tra i punti positivi, e il «flop» dell’aggregazione.

Infine il sindaco e la municipale hanno discusso del cosiddetto derby momò con i «cugini» di Mendrisio. Se da una parte Arrigoni ha affermato che «non cambierebbe mai Chiasso con Mendrisio», Pantani ha ammesso di soffrire un po’ l’ascesa di Mendrisio nella regione, anche grazie alla riuscita del processo d’aggregazione: «In questi vent’anni ha preso un posto predominante nel mendrisiotto. Non possiamo più permetterci di perdere il treno».

Infine una domanda d’obbligo per Pantani. Alle comunali punta a soffiare il posto ad Arrigoni? «Non ho mai detto di puntare al sindacato, ma l’obiettivo è raggiungere il miglior risultato possibile. E soprattutto sarebbe bello che la Lega riuscisse a raddoppiare in Municipio. È più importante questo obiettivo del sindacato». Tuttavia, ha ammesso Pantani, «se dovessero arrivare tutti e due i risultati, non saremmo certo tristi».

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Il Corriere in tv
  • 1
  • 1