Pelosetti sensibili (Archivio 7)

Domande e risposte su temi di vario genere da aprile a giugno 2012

"Egregi Signori Veterinari, vi scrivo a nome della mia Amica Titty. Venerdì 25 maggio dopo le otto di sera, il suo micio Capu, un Persiano di 9 anni, CHE NON USCIVA, è USCITO, per non più far ritorno a casa. Titty, ed alcuni suoi Amici lo hanno cercato e lo stanno cercando, sia di giorno sia di notte, ma non si trova. L'abbiamo segnalato ai veterinari del Sottoceneri, alle SPA, su Fb, nelle varie Associazioni. Cosa altro si potrebbe fare? Vi ringrazio di cuore a nome di Titty. Cordiali saluti".

Barbara B., Roveredo

Gentile Barbara, i gatti che non sono mai usciti tendono a non allontanarsi troppo dalla loro casa e essendo spesso spaventati, insicuri e impauriti si rifugiano nei posti più impensati e spesso molto vicino a casa. Hanno poi la tendenza a restarci visto che per loro il mondo é ancora un  posto sconosciuto con troppi pericoli.Cercate quindi in ogni angolo, guardate dentro qualsiasi posto dove un gatto può infilarsi sia a livello di abitazioni del quartiere sia a livello di giardini, bosco o altro.La ricerca andrebbe fatta preferibilmente nelle ore serali visto che é tutto più tranquillo e silenzioso. Preferibilmente dovrebbero occuparsene solo persone che il gatto conosce benissimo e di cui si fida visto che stanco e affamato potrebbe rispondere al richiamo del padrone e lasciare il luogo che lui ritiene sicuro per andargli incontro. Avvisate inoltre tutti i vicini di casa chiedendo loro di cercare all'interno delle loro case (cantine, sottoscala, locali caldaie, sgabuzzini, buchi vari nel giardino e nella casa).Fortunatamente i gatti sono animali molto resistenti e anche il fatto che siamo nella bella stagione dovrebbe evitare che vi siano problemi legati alla fame o allo sfinimento. Siate positivi e continuate a cercare!

OVT

23 maggio - "Ciao, siamo Melanie e Michelle e da sabato scorso é sparito da casa il nostro gattone Attila. Stiamo malissimo perché ci siamo molto affezionate a lui. Il nostro cane Rubi mangia pochissimo perché sente la sua mancanza e passa ore in giardino ad aspettarlo anche sotto la pioggia. Per noi Attila non é solo un gatto, ma molto di più. Pensiamo tutto il giorno su come giocavamo assieme e i disastri che combinava, ma a lui si perdonava tutto. Putroppo é un pò "tontolone" e per lui sono tutti buoni. Il pensiero di non rivederlo più ci fa piangere il cuore. Lo abbiamo desiderato tanto e quando un sogno si trasforma in un incubo é tremendo. Noi continueremo a cercarlo e a chiamarlo nella speranza che lui ci senta e torni con i suoi strani miagolii che tanto facevano ridere il vicinato. Vi prego, aiutateci a ritrovarlo e per favore non dite che é solo un gatto. Grazie Melanie e Michelle Dimenticavamo: Attila é un Maine Coone nero-marrone, con zampette, collo e petto bianchi. Ha anche una macchia allungata bianca sul naso. Chiunque lo trova o ha notizie può chiamare lo 0791261821. Grazie".

Melanie e Michelle R., Arogno

Gentili Melanie e Michelle, succede purtroppo spesso che i gatti spariscano di casa per svariati motivi. A volte tornano dopo 1-2 giorni e a volte si presentano dopo settimane o mesi, per cui abbiate fiducia e speriamo che un giorno Attila si presenti a casa come nulla fosse successo.La prima cosa da fare é avvisare i vicini di casa e in generale tutto il quartiere chiedendo di controllare nelle loro cantine, nei garages e in generale in locali che possono essere chiusi. Fate il giro delle case di vacanza visto che Attila potrebbe esserci entrato nel fine settimana rimanendo chiuso dentro. Buona cosa é anche appendere dei cartelli con la foto del gatto e i numeri di telefono e avvisare i veterinari e le protezioni animali della zona fornendo i dati del gatto e una foto. Spesso i gatti non si allontanano troppo per cui continuate a cercare attorno a casa e nel quartiere pensando soprattutto a tutti i luoghi dove il gatto può restare chiuso dentro involontariamente. I gatti sono animali forti e quindi possono resistere molti giorni senza mangiare e bere e sono anche molto bravi a ritrovare la strada di casa anche se si sono allontanati di molto. 

OVT

20 aprile - "Buongiorno, vi scrivo in merito ai miei due mici di quasi 4 anni, maschio e femmina (entrambi castrati/sterilizzati). All'inizio i due andavano d'accordo, giocavano e dormivano insieme. Tutto ad un tratto, il maschio è diventato agressivo nei confronti della femmina. Premetto, lui è molto vivace lei invece è pacata. Persino alla sera, quando sono presente, lui continua ad attacarla anche per ore senza stancarsi. Lei ovviamente si difende poco. Cerco di dare le stesse attenzioni ad entrambi e li faccio giocare molto. C'è qualcos'altro che posso fare? A cosa è dovuta questa sua agressività? Grazie in anticipo. Saluti".

Angela M., Lugano

Gentile Angela, si tratta sicuramente di una situazione in cui il maschio dominante ribadisce la sua superiorità gerarchica sulla femmina. Il motivo di questo cambiamento é difficile da capire. Potrebbe essere la femmina che sta tentando di sfidare la dominanza del maschio, oppure una situazione più allargata che comprende anche gli umani della famiglia. Vi sono poi dei fattori esterni che poterebbero innervosire o causare ansia al maschio che reagisce sfogandosi con l'altra gattina. Valuterei quindi eventuali fattori ambientali o organizzativi e mi assicurerei anche che la salute del maschio sia perfettamente a posto. Se non si trovano ragioni evidenti per questo comportamento si dovrebbe favorire il ripristino della gerarchia evitando di difendere troppo la femmina e favorendo il maschio dominante e se gli atteggiamenti del maschio dovessero diventare veramente troppo insistenti valuterei una terapia per rilassare e togliere eventuali ansie e nervosismi al gatto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: La Fattoria
  • 1