Coronavirus: amiamoci e ne usciremo

La posta di Carlo Silini

Scrivete a lettere@cdt.ch

Coronavirus: amiamoci e ne usciremo
© Archivio CdT

Coronavirus: amiamoci e ne usciremo

© Archivio CdT

Nella vicenda della pandemia, mi sembra che ai massimi livelli di governo mondiale si stia ancora perseguendo l’impossibile obiettivo di «cancellare l’accaduto», come se non si riuscisse ad arrivare alla fase di accettazione di un grande lutto collettivo. Non a caso, lo sforzo della ricerca sembra sia stato indirizzato soprattutto verso i vaccini, il cui obiettivo ultimo è l’eliminazione della malattia e il ripristino dello status quo ante, e solo secondariamente verso l’individuazione di una cura efficace, che è invece il mezzo per poter convivere con una malattia che ormai è presente e non scomparirà mai del tutto. Ho l’impressione che, mentre la popolazione sta cominciando ad entrare in questo ordine di idee, i governi e gran parte degli «esperti» fatichino ancora ad accettare il «lutto»,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1