Di che colore è il passaporto dei delinquenti?

La posta di Carlo Silini

Scrivete a [email protected] con menzione «per Carlo Silini»

Di che colore è il passaporto dei delinquenti?
© CdT/Chiara Zocchetti

Di che colore è il passaporto dei delinquenti?

© CdT/Chiara Zocchetti

Caro Carlo Silini, ho scritto una poesia che si intitola «I ladri sono di qui» di cui vorrei sottoporle qualche passaggio: «Patria mia, non ti hanno derubato gli altri/I ladri sono qui e hanno sparato qui/Dal basso, dai municipi al palazzo/Sono tuoi, non sono stati importati/Non sei stata derubata da un paese straniero/come diceva il signor Blocher/...». Devo continuare? Sono versi ispirati dalla vicenda che faceva capo a quel funzionario della Sezione cantonale della circolazione che vendeva sottobanco le targhe. Credo che abbia capito cosa intendo dire, e cioè che qualche volta i ladri sono di qui. Non ci sono solo quelli stranieri, o i ladruncoli ordinari, i borseggiatori. È gente di qui che magari ricopre cariche politiche, persone che abbiamo votato e mandato in Consiglio comunale, in...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1