È offensivo usare la parola «zingaro»?

La posta di Carlo Silini

Scrivete a [email protected] con menzione «per Carlo Silini»

È offensivo usare la parola «zingaro»?
Campo nomadi al Segehezzone a Giubiasco. © Chiara Zocchetti

È offensivo usare la parola «zingaro»?

Campo nomadi al Segehezzone a Giubiasco. © Chiara Zocchetti

Buongiorno, a mio avviso, e anche secondo molti studiosi di queste popolazioni, il termine zingaro è dispregiativo e andrebbe evitato. Immagino che lei non sia d’accordo, visto che l’ha adoperato nei suoi articoli apparsi lo scorso 2 ottobre. Ricordo però, che un paio di anni fa le comunità rom e sinti del nostro Paese avevano preso posizione sulla questione dicendo che non intendevano più tollerare la designazione «Zigeuner» (zingari) ancora molto diffusa nella Svizzera tedesca, giudicandola «diffamatoria» e «umiliante». Penso che dovremmo tenerne tutti conto. Mi piacerebbe conoscere le sue considerazioni al riguardo.

Michele Rauch, Canobbio

La risposta

Caro Michele Rauch, è vero: un paio d’anni fa le comunità rom e sinti del nostro Paese hanno comunicato di non voler più tollerare la designazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1