I no-vax temono la cura, non la malattia

La posta di Carlo Silini

Scrivete a [email protected] con menzione «per Carlo Silini»

I no-vax temono la cura, non la malattia
Manifestazione no-vax a Milano. © EPA

I no-vax temono la cura, non la malattia

Manifestazione no-vax a Milano. © EPA

Le persone che non vogliono vaccinarsi mettono in pericolo la propria salute e quella degli altri. Se si infettano, offrono il terreno fertile per l’evoluzione del virus, diventando delle vere «fabbriche di variante» COVID! Questo virus è come un rapinatore di banche la cui foto è ovunque! Le persone non vaccinate offrono al virus non solo l’opportunità di diffondersi, ma anche di cambiare. Più persone non vaccinate abbiamo, più opportunità ci sono per il virus di moltiplicarsi. Il vaccino dovrebbe diventare obbligatorio! Come fare? Basta varare una legge che costringa tutti a farsi vaccinare. Se ti rifiuti non è solo il tuo problema, è anche un problema per me, perché mi puoi contagiare! Se hai la lebbra nessuno ti lascerà camminare per strada! È come avere un’arma nascosta con cui puoi uccidere...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1