Il canto vichingo di una mamma fiera di allattare in pubblico

La posta di Carlo Silini

Scrivete a [email protected] con menzione «per Carlo Silini»

Il canto vichingo di una mamma fiera di allattare in pubblico
© Shutterstock

Il canto vichingo di una mamma fiera di allattare in pubblico

© Shutterstock

Ciao Carlo, ti scrivo sull’allattamento in pubblico. Assieme a molte mamme come me, avviso tutti che non ci copriremo mai e per nessuno. Perché questo per noi è nutrimento e amore puro, perché il corpo è mio e perché non mi interessano i giudizi degli altri. Ho allattato Furio per 3 anni, e l’ho adorato. Ora con Clino allattare è come rivedere una cara amica. Smetteremo quando lo decideremo noi, e fino ad allora i miei seni si vedranno dove, come e quando sarà necessario (quindi spesso, perché anche lui è un ciuccione...; qualcun’altra alza la mano per solidarietà?). Senza eccesso ma con tanto orgoglio e tanta gioia. E a te che hai dovuto sentire sguardi o frasi che ti hanno fatta sentire indecente, svergognata o sbagliata mentre allattavi, auguro di trovare in questo gesto potentissimo la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1