Lo spirito è forte, la carne debole. E viceversa

La posta di Carlo Silini

Scrivete a lettere@cdt.ch

Lo spirito è forte, la carne debole. E viceversa
© CdT/Gabriele Putzu

Lo spirito è forte, la carne debole. E viceversa

© CdT/Gabriele Putzu

Giovedì 28 gennaio mi trovavo sul bus Nr. 5 in direzione di Manno e alla pensilina verso le 13.10 sono saliti all’incirca una ventina di studenti, poi tutti scesi alla fermata Genzana, in quanto diretti molto probabilmente alla Scuola media di commercio di via Gerso a Lugano. La durata della trasferta dalla pensilina fino alla scuola, inclusa l’attesa, il trasporto e la camminata fino alla scuola avrà preso loro almeno 15’. A piedi, salendo da via Cantonale, avrebbero raggiunto la scuola in soli 10’.Questa è solo una constatazione fatta a Lugano. Anche la fermata di Piazza Orico a Bellinzona potrebbe essere oggetto di una riflessione per gli studenti che potrebbero benissimo incamminarsi verso la stazione FFS e forse un qualche giorno solo verso la fermata TILO di Piazza Indipendenza.Non è...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1