Mostrare le caricature di Maometto è sempre islamofobia?

La posta di Carlo Silini

Scrivete a [email protected]

Mostrare le caricature di Maometto è sempre islamofobia?
Manifestazione a sostegno di Charlie Hebdo.

Mostrare le caricature di Maometto è sempre islamofobia?

Manifestazione a sostegno di Charlie Hebdo.

Qualche settimana fa un professore di religione di Batley, una città dalla forte componente indo-pakistana dello Yorkshire, nel Regno Unito, è stato sospeso dall’insegnamento dopo che i genitori di alcuni allievi avevano reclamato perché aveva mostrato in classe una caricatura di Maometto pubblicata da Charlie Hebdo. Non voglio parlare del diritto, oppure no, e dell’opportunità e del senso di fare delle caricature, di fare humour o di denunciare attraverso la satira. Ma del fatto che oggi, a dipendenza del tema, non abbiamo nemmeno più il diritto di mostrare e parlare di eventi storici comprovati, anche senza giudicarli e senza commentarli. Oggi domina un continuo processo alle intenzioni e il risentito personale. Decuplicati nella violenza verbale dai social media. Quindi è (per ora) ancora...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1