Ognuno di noi si sente l’ombelico del mondo

Lettere per Carlo Silini

Scrivete a [email protected] con menzione «per Carlo Silini»

Ognuno di noi si sente l’ombelico del mondo
© Brett Sayles per Pexels.

Ognuno di noi si sente l’ombelico del mondo

© Brett Sayles per Pexels.

Scendendo in auto dai bei Monti di Condra ho sentito in radio la notizia secondo la quale solo il 30% dei malati di COVID accetta di partecipare a studi scientifici. E questo contro un fin qui normale 70% riscontrato nell’ambito di altre patologie. Per un reduce da una meningo-encefalite da morbillo inserito in tutti gli studi allora disponibili per comprendere questa terribile malattia e sviluppare terapie, questa cosa colpisce come uno schiaffo in faccia! Ma chi era contro i vaccini non era però a favore dei farmaci e delle terapie (ovviamente per i casi più gravi)? Ma se poi non si partecipa ai trial, come possiamo scoprirle e studiarle? Nel dubbio i soliti virologi-FB mi spiegano che in effetti le terapie in fondo non servono, perché di COVID raramente ci si ammala e basta la farmacia di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1