Quelle badilate di letame contro Gino Strada

La posta di Carlo Silini

Scrivete a [email protected] con menzione «per Carlo Silini»

Quelle badilate di letame contro Gino Strada
Il fondatore di Emergency, Gino Strada. © ANSA/EMMEVI / PAL

Quelle badilate di letame contro Gino Strada

Il fondatore di Emergency, Gino Strada. © ANSA/EMMEVI / PAL

Continuo a pensare alla tragica, terribile ironia del destino che ha visto morire Gino Strada proprio mentre l’Afghanistan cadeva di nuovo sotto il controllo dei talebani. Negli ultimi vent’anni Emergency ha curato sette milioni di civili, denunciando più volte le atrocità della guerra, mentre Gino Strada si prendeva badilate di letame e di offese da orde di benpensanti che poi magari ipocritamente hanno scritto parole di cordoglio su di lui. C’è chi salva vite umane, declinando nella realtà del conflitto la professione medica e i propri ideali; c’è chi si impegna in un difficile processo di stabilizzazione e ricostruzione; e poi c’è il cinismo della politica «realistica», quella che consegna l’Afghanistan nelle mani dei talebani purché non ne facciano di nuovo una base per il terrorismo jihadista...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1