Questo virus sta uccidendo la solidarietà?

La posta di Carlo Silini

Scrivete a lettere@cdt.ch

Questo virus sta uccidendo la solidarietà?
© CdT/ Chiara Zocchetti

Questo virus sta uccidendo la solidarietà?

© CdT/ Chiara Zocchetti

Il 2020 è stato un anno vissuto col fiato sospeso: senza progettualità, senza prospettive, se non il vivere giorno per giorno. Per questo sembra un anno non vissuto, eppure c’è qualcosa che rimane e oltrepassa nel 2021, qualcosa di più grave della malattia e della crisi sanitaria, più problematico degli strascichi dell’impoverimento economico e della disoccupazione ed è quello che potremmo definire l’impoverimento umano. La distanza non è stata solamente fisica, c’è stato un allontanamento progressivo dalla vita degli altri, abbiamo progressivamente imparato a pensare solo a noi stessi, ai nostri interessi, ai nostri bisogni e alle nostre fatiche. C’è stata una scomparsa dell’altro e anche la solidarietà messa in atto è stata un fatto prevalentemente istituzionale, messo in atto dal Governo,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: La posta di Carlo Silini
  • 1
  • 1