Gli effetti degli alieni, se ci fossero

Recensione

Tre civiltà aliene progredite, l’intelligenza artificiale Adam e una possibilità in più per la Terra: sono gli elementi di «Rejoice», romanzo futuristico di Steven Erikson

Gli effetti degli alieni, se ci fossero
Un dettaglio della copertina.

Gli effetti degli alieni, se ci fossero

Un dettaglio della copertina.

Mettiamo che ci siano tre civiltà aliene progredite da ogni punto di vista. E che esse, provenienti dal fulcro della nostra galassia, si occupino/preoccupino anche delle sue regioni più esterne come il sistema solare. Mettiamo che questi alieni, rappresentati dall’intelligenza artificiale Adam, decidano di dare una chance in più alla Terra, pianeta blu in mano a quel terribile essere predominante che risponde al nome di uomo. È la trama di Rejoice, sfolgorante romanzo futuristico di Steven Erikson, da leggere per comprendere come una nuova forma di quasi onnipotenza potrebbe cambiare noi e il mondo, ormai in via di esaurimento.

Editore: Armenia, 2019; 500 pagine.
Editore: Armenia, 2019; 500 pagine.

Recensione apparsa su ExtraSette n. 1, 2020

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Libri
  • 1

    L’albero della speranza

    Narrativa

    Nel suo nuovo romanzo ambientato nell’Alto Milanese, «Il pioppo del Sempione», Giuseppe Lupo intreccia storie di migranti e ricordi personali in una vicenda di integrazione, memoria e identità perdute da ricostruire

  • 2

    Elogio dell’utopia

    l’intervista

    L’uscita in libreria dell’ultimo imponente romanzo di Marco Alloni «Il quaderno di Kavafis» ci offre l’occasione per discutere con l’autore di letteratura, politica e utopia

  • 3

    Leggendo le nostre città

    territorio

    Usando il linguaggio del narratore Gianni Biondillo, tra ricordi, riscoperte e incontri, racconta l’anima delle metropoli moderne stilando un appassionato prontuario di seduzione urbana che tutti faremmo bene a conoscere

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1